Cerca

La conferenza

Napolitano: "I magistrati siano più sobri"

Napolitano: "I magistrati siano più sobri"

Una strigliata alle toghe. "Il magistrato deve avere serenità e sobrietà di comportamenti professionali e anche privati; deve evitare i protagonismi personali, la trascuratezza nel redigere e nel consegnare i provvedimenti", perché queste sono cose che "incidono sull'immagine di terzietà del magistrato provocando sfiducia nella società e censure in sede europea", ha affermato Giorgio Napolitano ricevendo al Quirinale incontrando i giovani magistrati. "La dignità della magistratura è affidata ai suoi appartenenti", ha aggiunto.

"Mi hanno aggredito" - "Anche nell'anno trascorso - ha detto il capo dello Stato -, che definirei di forzoso prolungamento della mia funzione di presidente, ho tenuto ferma, per quanto fossero aggressivamente faziose le reazioni, una linea di condotta ancorata al principio della divisione dei poteri". La riforma della giustizia, ha spiegato Napolitano, è "invocata da troppo tempo", ed è un "rinnovamento che tarda ad arrivare" per assicurare "più rapidità ed efficienza". Insomma dal Colle arriva l'ennesimo appello per una radicale riforma della Giustizia. Ora tocca al governo mettersi al lavoro e in fretta...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    21 Maggio 2014 - 22:10

    Predicare bene e razzolare male questa è la ricetta del nostro caro amato presidente e capo CSM Giorgio napolitano, alla fine sarà qualche magistrato responsabile della nostra mala giustizia ma sarebbe utile ammettere gli errori personali a cominciare a fare mea culpa sulla sospenzione della nostra Democrazia,con i danni collaterali a carico nostro :quanti miliardi di Euro ci ha costato ?

    Report

    Rispondi

  • CesareTopoi

    07 Maggio 2014 - 09:09

    ne ha fatte di tutti i colori - sempre comunque vesro il rosso- Ha trasformato la repubblica parlamentare in presidenziale , ha posto a capo di tre governi, persone non elette dal popolo. l'unico eletto attraverso elezioni popolari è stato cacciato con il concorso della magistratura rossa. e poi si lamenta? non ha lasciato la reggia per risparmiare, anzi ha aumentato le spese del quirinale. Ma suv

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Maggio 2014 - 11:11

    E' in ritardo di 20 anni.....

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    06 Maggio 2014 - 10:10

    a napo;ita' ma tu losai che sono i tuoi amici magistrati a non volere la riforma della giustizia ??? dove vivi ?? dovresti saperlo bene che i magistrati tuoi amici rifiutano la riforma esattamente come rifiutano che gli si abbassi lo stipendio e credo di poter dire che rifiutano anche il lavoro .

    Report

    Rispondi

    • lucia elena

      20 Maggio 2014 - 11:11

      Lo sa benissimo, ne è il fautore:

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog