Cerca

La versione di Dago

Il retroscena su Renzi e Berlusconi: al voto a febbraio 2015

Il retroscena su Renzi e Berlusconi: al voto a febbraio 2015

Voto anticipato. Sarebbe questa la parola d'ordine a palazzo Chigi. Matteo Renzi prepara il suo piano per portare alle urne gli italiani già a febbraio del 2015. Secondo alcune indiscrezioni raccontate da Dagospia, il premier sarebbe pronto a rovesciare il tavolo per chiedere il voto tra meno di 5 mesi. La situazione di Renzi è sempre più delicata. Il premier, va detto, in questi sei mesi di governo non ha realizzato nessuna delle riforme che aveva annunciato. Il risultato dell'esperienza di governo parla chiaro: l'esecutivo ha regalato 80 euro con il bonus Irpef ma ha aumentato le tasse sulla casa che negli ultimi quattro anni sono aumentate del 200 per cento. Il Paese è piegato sotto i colpi della recessione e la deflazione ha di fatto eroso i consumi. Insomma il quadro che appare dopo l'arrivo di Renzi a palazzo Chigi è terrificante. E così adesso il premier comincia a pensare all'ipotesi di un colpo di mano che porti alle elezioni.

Gli ostacoli - La fronda bersaniana si stringe attorno al collo di Matteo. In commissione lavoro, snodo nevralgico da cui passerà la riforma è composta per metà da ex sindacalisti rossi e palesemente anti-renziani. Insomma il premier vorrebbe tornare al voto per piazzare in Parlamento e non solo lì truppe più affidabili dato che tra Camera e Senato a farla da padrone è la sinistra Pd. Se si votasse con questa legge elettorale, il Pd non potrebbe governare da solo ma avrebbe bisogno dell'appoggio di altre forze tra cui anche quello di Forza Italia. E così, sempre secondo quanto racconta Dagospia, l'incontro di mercoledì sera tra Cav e Renzi sarebbe servito a definire la via che porta al voto.

"Ostacolo Re Giorgio" - C'è un solo ostacolo: Giorgio Napolitano. Re Giorgio sa bene che sciogliere le Camere significa, probabilmente, consegnare il Paese alla Troika. Sarebbe l'ammissione di un fallimento maturato durante questa legislatura che testimonierebbe come le forze politiche avrebbero fallito nel portare avanti l'agenda di riforme chieste dall'Europa. Così quando Matteo Renzi nel suo discorso alla Camera poi al Senato di qualche giorno fa ha lasciato intravedere la possibilità del voto in primavera, il Colle ha mandato un messaggio molto chiaro:"Io non sciolgo le Camere, piuttosto mi dimetto. Alle elezioni semmai vi porterà il mio successore". Inoltre come raccontano fonti vicine a Libero il Quirinale rischia di ritrovarsi con le armi spuntate. Se ci si trova davanti ad un premier dimissionario e non si vuole chiudere la legislatura, l’unica soluzione è mettere in piedi un altro governo, ma le condizioni affinché questo Parlamento possa esprimere la fiducia ad un governo contro il Pd non si vedono. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    20 Settembre 2014 - 13:01

    Se Renzi si dovesse dimettere e Napolitano invece di sciogliere le Camere ed indire nuove elezioni si dovesse dimettere anche lui, dimostrerebbe di non avere mai capito niente del suo reale ruolo.Forse si è troppo gratificato del titolo improprio di "king george" attribuitogli da un fogliaccio inglese, la tarda età gioca brutti scherzi.Il suo ruolo è solo di garanzia, non politico!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • emo

    20 Settembre 2014 - 12:12

    Francamente questo appellativo gratuito di "re giorgio" attribuitogli da molti giornali io non lo capisco ne mai lo capirò, ma re di cosa? Della cialtroneria napoletana, della smisurata ambizione, della assoluta mancanza di onestà? E poi ci sono ancora i poverelli che lo applaudono questo distruttore dell'Italia? Ma ci sarà pure un limite alla vergogna anche per i più grandi criminali o no?

    Report

    Rispondi

  • dplucia

    20 Settembre 2014 - 12:12

    Non ci possiamo permettere elezioni prima della loro scadenza. La BCE ci commissaria in quanto non avremmo fatto quelle riforme che da tempo si annunciano ma non si fanno .La colpa è un po' di tutti, ma in particolare della nostra Costituzione, non più al passo con i tempi, che permette ai politici di fare quello che stanno facendo. La Costituzione Romana prevedeva " la dittatura" per sei mesi

    Report

    Rispondi

  • lucadagenova

    20 Settembre 2014 - 08:08

    dopo tre governicchi disastrosi e illeggittimi.. lo chiamano ancora voto anticipato..?? vergognosi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog