Cerca

Ultim'ora

Quirinale, Giorgio Napolitano: "Imminente la conclusione del mio mandato"

Giorgio Napolitano conferma che il suo mandato presidenziale è quasi giunto al termine. "La prossima fine di questo anno 2014 - ha detto il capo dello Stato in occasione della presentazione degli auguri del Corpo Diplomatico al Quirinale - e l'imminente conclusione del mio mandato presidenziale, inevitabilmente ci portano a svolgere alcune considerazioni sul periodo complesso e travagliato che stanno attraversando l'Italia, l'Europa ed il mondo". Di fatto, dunque, è scattato il conto alla rovescia per le dimissioni del presidente della Repubblica, che secondo le previsioni degli analisti potrebbe lasciare a inizio gennaio, quando finirà ufficialmente il semestre di presidenza italiano dell'Ue. 

Da Padoan a Prodi - Il toto-Colle, come da tradizione, è già iniziato. C'è chi ha tirato in ballo il nome dell'attuale ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, ex Fmi e per questo motivo sorta di "garanzia" per l'Italia sui mercati internazionali e presso i salotti dell'alta finanza. La carta Romano Prodi, poi, è sempre attuale perché può unire la sinistra Pd e i parlamentari del Movimento 5 Stelle. Forse, però, le trattative tra Renzi e Berlusconi ruoteranno sempre e solo intorno alla condizione già esposta da un pragmatico come il senatore azzurro Augusto Minzolini: "Renzi ha capito benissimo che, prima di arrivare a eleggere il successore di Napolitano, deve allontanare dai grandi elettori la paura delle elezioni. Altrimenti il primo candidato, persino Prodi, che garantisce di non portarci a elezioni qua dentro lo votano tutti. Su 1008 votanti ottiene 1009 voti!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emo

    27 Dicembre 2014 - 09:09

    A prescindere che il komunista se fosse schiattato 40 anni fa pernoi sarebbe stato molto meglio, macosa possiamo aspettarci da questi "onorevoli" cialtroni che sono solo delle zecche pur se quasi tutti avvocati o giuristi accomunati da un solo denominatore :arraffare tutto il possibile a discapito del popolo bue che si è fatto abbindolare. Mandiamoli via tutti questi parassiti e sanguisughe.

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    Ma non ricordate le prodezze di Prodi? Dall'IRI in poi non ne ha azzeccata una, per non parlare poi dell'ingresso nell'euro con quel cambio. Una iattura per l'Italia. Incredibile che qualcuno proponga un tale personaggio che ha lasciato una scia di disastri come Attila.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    18 Dicembre 2014 - 18:06

    no, Prodi no, per piacere. Può essere che torni sempre a galla questo nome? Come si fa a neutralizzarlo? Minzolini, mi dispiace perché in genere è lucido, questa volta ha detto una cavolata. Quanto a fine anno, molti faranno come Gilles.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    18 Dicembre 2014 - 18:06

    Come funziona una democrazia? Il popolo viene chiamato alle urne e decide chi sarà il suo rappresentante per il prossimo mandato. Come funziona in Italia? 2 tizi si mettono seduti a un tavolo e decidono chi dovrà essere, ognuno secondo le proprie urgenze, il prossimo Presidente che sarà eletto da una congrega di papponi che della politica hanno fatto nn un dovere ma un mestiere......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog