Cerca

Breaking news

Milano, ucciso gioielliere durante rapina

Un gioielliere di 73 anni e' stato ucciso a Milano durante una rapina nel negozio di cui è titolare. E' successo in via dell'Orso, nel pieno centro di Milano. Sul posto il 118 di Milano e i Carabinieri. Secondo le prime informazioni l'uomo è stato trovato ucciso nella sua gioielleria, dove si trovava da solo. A chiamare il 118 è  stata la moglie, che cercava invano di contattarlo in negozio e al cellulare. Quando i soccorritori sono arrivati hanno trovato l'uomo, Giovanni Veronesi, con una profonda ferita al capo, al momento non si sa se da colpo d'arma da fuoco o altro. Nel negozio, da un primo sopralluogo, mancherebbero alcuni preziosi, ma al momento i carabinieri stanno ancora ricostruendo la dinamica. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    27 Marzo 2013 - 12:12

    continuate a sostenere m...a come vendola, crocetta, pisapia, bersani e compagnia cantante, che a breve ci riempiranno ulteriormente di feccia migrante di infimo livello. La quale, in quanto povera,migrante,proletaria e vittima di razzismo (tm) sarà autorizzata ad ammazzarci per 10 euro. Il cancro è l'immigrazione di africani,cinesi ed est europei.

    Report

    Rispondi

  • mab

    22 Marzo 2013 - 18:06

    La storia non cambia e il valzer dei colpevoli è sempre il medesimo.......

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    22 Marzo 2013 - 11:11

    dí ciao al tuo elettore ! Purtroppo quando, a governare vengono mandati incapaci come la Moratti o Formigoni poi é un disastro perché, per reazione vengono eletti incapaci di parte avversa. I milanesi sapevano che, con la sinistra crescono immigrazione, delinquenza, occupazioni, centri sociali ed illegalitá perché avrebbe essere diverso a Milano ?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    21 Marzo 2013 - 16:04

    Non vi preoccupate, Zanda è pronto a votare l'ineleggibilità del Cav., dopo tutto tornerà al suo posto! Nel frattempo, il tessuto sociale del paese si sta sfilacciando e la "microcriminalità" cresce esponenzialmente. Spero che quando i nostri ricchi feudatari avranno finito di giocare con i loro tatticismi, qualcuno si ricordi che uno dei compiti fondamentali dello stato è quello di garantire la sicurezza dei cittadini!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog