Cerca

Montezemolo: in politica

meno muscoli e più dialogo

Montezemolo: in politica

Il presidente della Fiat e della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo quest’oggi ha parlato di politica da Trento, in occasione del Festival dell’economia. Parole forti le sue, con le quali si è augurato che il clima possa rasserenarsi presto e che si proceda ad una riforma dello Stato.
"Superare il bipolarismo muscolare" - Secondo Montezemolo “i moderati e i progressisti dicono e pensano più o meno le stesse cose sulle riforme e sulle ricette per attuarle. È una maggioranza responsabile, che si incontra nella società”, se non fosse che “si divide in politica”.
“Auspico - ha proseguito Montezemolo - che prima o poi si incontrino, superando questo bipolarismo imperfetto e muscolare”. Meno bracci di ferro, dunque, e più dialogo.
L’ex presidente di Confindustria non si è fermato qui, spendendo qualche riflessione anche sulla dignità nella politica, mentre presentava il libro ‘Costruire una cattedrale’ di Enrico Letta.
"Usciamo dall'egoismo" - “Spero che prima di parlare ancora del parlamento, si parli di come ci si mandano i parlamentari”, ha detto Montezemolo al quale è stato domandato se abbia intenzione di occuparsi di politica. “No, però non dobbiamo essere troppo settoriali - ha risposto - perché si può fare politica cercando di fare bene il proprio mestiere. Bisogna uscire da un paese fatto di egoismi, che ha il record di evasione. È inaccettabile che nel 2010 si parla ancora di divario nord-sud”.
"Riforma dello Stato urgente" - Ha parlato da presidente di Fiat e Ferrari, ma non solo anche, anche in qualità presidente dell'Università Luiss: “Sento tante ragazze molto brave dire che andranno all'estero, perché sanno che, se saranno brave, riusciranno. Il tema da discutere non può essere quello di decidere chi andrà nel cda della Rai e non ci può essere una rissa continua. Giudicare da fuori è facile - ha concluso Montezemolo - come fanno spesso con la Ferrari dalla tribuna, ma il tema della riforma dello Stato è urgente e anche la sinistra deve uscire dalle ambiguità, come sul tema dell'immigrazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovannib

    02 Giugno 2009 - 21:09

    il sig. montezemolo farebbe bene a ricordarsi quando ha vinto la sinistra di prodi la sua FIAT ha avuto l'indice più basso in borsa degli ultimi anni visto che lui come presidente di Confindustria non ha mai digerito il CentroDestra farebbe bene a fare un mea culpa certe volte sig. montezemolo i muscoli servono specialmente se chi li ha ha a cuore il proprio Paese cioè l'ITALIA

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    31 Maggio 2009 - 20:08

    Sottoscrivo tutto ciò che hai scritto, ma io voglio essere pi esplicito, Montezemolo fa il "frocio con il culo degli altri". Io ho salutato con piacere la non conferma alla Presidenza della Confindustria, lui è l'uomo degli annunci, è l'uomo degli inciuci, stia dov'è e la Fiat lo tenga lontano dalla tastiera delle scelte, è il sosia di prodi e sappiamo cosa è significato per il Paese. Ora per de benedetti spero che l'indagine vada avanti e si tirino fuori i brogli e le invettive della "madame" veroniK con questi poteri borghesi che mirano solo a far cadere il nostro Paese nel caos totale.

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    31 Maggio 2009 - 20:08

    bisognerebbe ricordare al presidente della fiat che quando ha appoggiato il governo dei sinistri ha fermato di fatto tutte le azioni del Governo Berlusconi per rilanciare una politica commerciale che avrebbe aiutato il nostro Grande Paese favorendo anche le grandi industrie purtroppo chie è causa del suo mal pianga se stesso e non giudichi chi deve rifare tutto il lavoro per riportarci a galla

    Report

    Rispondi

  • siam

    31 Maggio 2009 - 20:08

    il signor Montezemolo parla,parla ma spesso e' come certi politicanti che alla fine non sanno quello che dicono! Voglio proprio vedere se un giorno si presentera' in politica e avra' lo stesso trattamento di Berlusconi! Ma noi poveri mortali sappiamo bene che tra "approfittatori" si capiscono. Dimostri un po' di onesta' ridando a noi Italiani i soldi (tantissimi) che furono "regalati" alla Fiat. Allora potrei ricredermi!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog