Cerca

Rifondazione e Verdi

fuori anche da Strasburgo

Rifondazione e Verdi
La sinistra italiana, quella di Rifondazione comunista e del Pdci, e con lei i Verdi, è fuori dal Parlamento di Strasburgo, dopo essere stata estromessa dall'elettorato, poco più di un anno fa, anche dall'aula di Montecitorio e da quella di palazzo Madama. Nè l'alleanza tra il Pdci di Oliviero Diliberto e Rifondazione comunista di Paolo Ferrero, nè il cartello elettorale tra gli ex Prc del Governatore della Puglia Nichi Vendola e i Verdi del Sole che ride di Grazia Francescato, hanno infatti superato la soglia del 4% per accedere al Parlamento europeo, a conferma di uno stato di crisi della sinistra italiana e del movimento ambientalista che varca i confini nazionali e si ripercuote anche a livello europeo. Nelle elezioni per il rinnovo del Parlamento dell'Unione europea del 1999, Rifondazione comunista aveva ottenuto il 4,27% dei consensi; i Comunisti italiani avevano raccolto l'1,99% e il Sole che ride aveva ricevuto dagli elettori un consenso dell'1,75%, denotando ancora un soddisfacente appeal presso l'elettorato, che però si sarebbe irrimediabilmente affievolito, qualche anno dopo, fino alla debacle del 2008.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    09 Giugno 2009 - 20:08

    hanno fatto una politica aliena, sputando in faccia ai loro elettori, e così sono stati cancellati, prima in Italia, ora anche in Europa.....

    Report

    Rispondi

  • falconiere2

    09 Giugno 2009 - 10:10

    Ma davvero l'estrema sinistra coltiva la presunzione di portare il simbolo comunista della falce e martello al Parlamento Europeo? Nessun'altro Stato europeo ha nel proprio sistema democratico costituito dopo la caduta del muro di Berlino un partito comunista tanto forte quanto lo abbiamo noi in Italia. In particolare l'Europa dell'est ne sa qualcosa e quanto hanno dovuto soffrire a causa dell'invasione dei carri armati russi in Cecoslovacchia e il sacrificio del giovane studente Jan Palach divenuto simbolo della resistenza anti-sovietica. Quando, questi comunisti saranno debellati per sempre?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    09 Giugno 2009 - 10:10

    Questa galassia delle sinistre che sembra più un circo barnum,rissosi,incoerenti (di lotta e di governo) retorici,parolai e inconcludenti,finalmente sono nudie annichiliti(nel senso del re nudo) e possono guardarsi allo specchio e se ne sono capaci fare autocritica,ma non credo ne siano capaci,tanto sono spocchiosi ed arroganti.

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    08 Giugno 2009 - 14:02

    Grazie italiani. Ora spero che a Ferrero non diano nemmeno le merendine (il rimborso elettorale) perchè non se lo merita e fa lo sfascista. Vive nel mondo deamicisiano dove tutti sono buoni e il cattivo di turno fa quello che vuole. Non conosco le leggi, ma se a Ferrero verrà dato il rimborso diverrò un fuorilegge e cercherò di pagare meno tasse possibili. Sarà dura perchè sono un pensionato, ma anche i pensionati si incazzano quando vedono Ferrero. Faccia di ciculatè è un eufemismo per indicare la faccia di kakà. Asvedommia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog