Cerca

Le nuove misure

CdM, approvato pacchetto P.A.: taglio alle auto blu, basta precari nella Pubblica Amministrazione

Il premier: "Solo contratti a tempo indeterminato, basta assunzioni senza concorso". Nuovi posti per Mibac e Vigili del fuoco

CdM, approvato pacchetto P.A.: taglio alle auto blu, basta precari nella Pubblica Amministrazione

Poteva essere la giornata delle prove generali per la crisi di governo, ma per oggi l'esecutivo Letta tiene. Faticosamente, certo, e semplicemente rinviando il primo grosso problema, quello dell'abolizione dell'Imu, a mercoledì prossimo quando è in programma un decisivo Consiglio dei Ministri. In attesa di capire se la tassa sulla casa sancirà la fine dell'esperienza delle larghe intese, come minacciato dal Pdl, il premier ha annunciato all'approvazione del pacchetto di interventi sulla Pubblica amministrazione

"Basta precari nella P.A." - "Una "soluzione strutturale del problema del precariato", è l'annuncio dato dal premier nella conferenza stampa di presentazione del pacchetto P.A. Come conferma anche il ministro della Funzione pubblica Giampiero D'Alia, "i contratti tipici della Pubblica amministrazione saranno a tempo indeterminato: "Mai più contratti a termine che non siano eccezionali e temporanei, così come sono le prestazioni richieste", è il diktat del governo. Per i precari, duque, è in arrivo un "parziale inserimento - spiega Letta -, previa una procedura altamente selettiva, perché bisogna applicare la Costituzione. Cercheremo di far sì che nella fase di conversione e applicazione del decreto avvenga il censimento di tutte le situazioni di precariato nella Pubblica amministrazione". Nuove barriere, infine, "per evitare scorciatoie per l'assunzione senza concorso". Il pacchetto approvato dai ministri prevede anche il taglio del 20% delle auto blu (il cui costo secondo il governo si aggira intorno al miliardo di euro l'anno, mentre le consulenze gravano per 1,2 miliardi). Assunzioni invece tra i vigili del fuoco: l'organico verrà aumentato di 1.000 unità, "segno di attenzione profonda verso il territorio", ha ricordato Letta. Nuove assunzioni anche al Ministero dei Beni, le Attività culturali e il Turismo (Mibac), che già nel 2013 potrà assumere in deroga sulla spending review compensando fino al 20% delle unità cessate nel 2012. Questa norma permetterà l'assunzione di oltre 150 dipendenti, mentre gli istituti culturali saranno esenti dal taglio del 10% della spesa per studi e incarichi di consulenza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    27 Agosto 2013 - 14:02

    Eccovi tradotto in italiano il pacchetto P.A.: Solo contratti a tempo indeterminato - così come già successo uno non potrà più licenziare chi gli fa sabotaggi e/o non lavora. Basta precari nella P.A. - Per assumerli non essendoci posti di lavoro, manderà in pensione anticipatamente altri lavoratori. Basta assunzioni senza concorso - così decideranno loro chi far assumere e ciò amici e parenti. Taglio del 20% delle auto blu - Delle 5 che utilizzano, ne useranno solo 3. Sono anni che dicono che sono state tagliate, ma il loro numero chissà come è raddoppiato. Assunzioni di 1.000 unità dei vigili del fuoco - assumetene tanti come quello beccato a bruciare i boschi. A conti fatti questo pacchetto fa più danni che altro. Ma in fondo questo è il governo del NON fare.

    Report

    Rispondi

  • encol

    27 Agosto 2013 - 10:10

    la lealtà, la serietà, la rettitudine, la dignità, il coraggio delle proprie azioni, alla BASE della DEMOCRAZIA- Quando si stabilirono le regole per far parte della P.A., signori con la maiuscola onesti, leali e benpensanti imposero i CONCORSI perchè è così che si esercita la Democrazia in maiuscola. Passarono un paio di decenni ed i signori di allora vennero sostituiti da farlocchi ruspanti attenti sopratutto a se stessi, o meglio a fare cassa per se stessi. Cosi i Democratici CONCORSI vennero sostituiti da più ruspanti "graduatorie" che altro non sono che la fila ovvero passi quando è il tuo turno. Non contenti, però ai primi posti della "fila" ci piazzarono, e divenne una regola ferrea, i raccomandati, i corruttori, i figli di.. e ancora oggi è così; ecco il Democratico concorso trasformato in "passi quando deciderò io" e non importa se sei preparato, onesto, leale, serio e capace ma devi essere raccomandato questo si.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    27 Agosto 2013 - 10:10

    In Calabria saranno felici i forestali che aumenteranno ancora.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    27 Agosto 2013 - 09:09

    Certo, gli statali possono sorridere, come no. Han sempre, non che sorriso, sghignazzato. E gli altri? Gli altri possono andare a farsi fottere, par di capire. Letta, l'Italia non la tengono in piedi gli statali. Se gli "altri" vanno a farsi fottere, a breve sarete fottuti anche voi. Forse è la volta che imparerete un mestiere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog