Cerca

Berlusconi ai giovani industriali

"Contro di me progetto eversivo"

Berlusconi ai giovani industriali
Dietro le calunnie c'era un progetto eversivo. Silvio Berlusconi, parlando all'assemblea dei giovani industriali, è tornato sulle recenti elezioni accusando: 'volevano sostituirmi con un non eletto dal popolo'.
Berlusconi si è detto dunque certo di poter governare tranquillamente per i prossimi quattro anni. E ha paragonato il governo ad un consiglio di amministrazione validissimo.  'Stiamo lavorando sull'Italia come fosse l'azienda Italia, ha detto dal palco di Santa Margherita Ligure.

Il premier è stato accolto da un lungo applauso al suo ingresso in sala. Il ministro Sacconi, che ha fatto capire ridendo di essere costretto a prolungare l'intervento per attendere il suo arrivo, gli ha subito ceduto la parola. Davanti all'Hotel Miramare, dove si svolge il convegno, numerose persone hanno applaudito il presidente del Consiglio, mentre qualche fischio è arrivato da un gruppo con le bandiere del Pdci tenuto a distanza.

Sulla scena internazionale l'Italia oggi ha "un suo preciso ruolo, di influenza e considerazione, contro tutte le critiche di chi dice che si dovrebbe comportare in modo diverso", ha detto il presidente del Consiglio che ha parlato del suo approccio con gli altri capi di Stato, indicando che bisogna "saper raccogliere stima e rispetto degli altri, ed in molti casi si può trasformare in affetto".

Ha quindi citato "per esempio" gli ottimi rapporti "anche di amicizia" con Erdogan, Bush, Aznar, Blair. Leader che "hanno considerazione verso di me come politico ma prima ancora come uomo di azienda che ha dato prova delle sue capacità", ha aggiunto e, commentando la visita di Gheddafi a Roma, ha sottolineato: '"Muammar Gheddafi é stato trattato come un cliente originale, sapendo che è un po' originale. Ma se trovi la chiave per trattare un cliente originale te lo conquisti per tutta la vita".

Berlusconi e' poi tornato a commentare il risultato delle elezioni amministrative che - ha detto - è stato "un cataclisma" per l'opposizione.  "Possiamo governare per i prossimi quattro anni", ha sottolineato: abbiamo ottenuto"risultati straordinari, che sono andati oltre il 50% dei consensi in molte situazioni, con una media del 42%".

"Le elezioni hanno confermato che la maggioranza c'é, possiamo continuare a governare tranquillamente per altri 4 anni"., ha aggiunto il premier tornato ad accusare la stampa di "dipingere un'Italia che non e' vera , che non è quella reale".  "Faccio dichiarazioni scritte- ha proseguito- e mi trovo sui giornali dichiarazioni che non ho mai detto o pensato. E se poi correggo scrivono che il presidente del consiglio ha fatto marcia indietro", ha tra l'altro detto.

Berlusconi ha poi osservato, parlando della recente consultazione europea, che "nelle citta' dove non c'erano i ballottaggi i cittadini hanno dimostrato un calo di attenzione nei confronti dell'Europa che non aiuta i cittadini e le sue Istituzioni pongono lacci e lacciuoli a chi ha imprese".

Ha poi auspicato un presidente italiano dell'Europarlamento. "Noi abbiamo un ottimo candidato che è Mario Mauro: abbiamo un competitore, la Polonia", ma l'Italia - secondo il premier - è in una situazione favorevole.

Berlusconi ha parlato anche del terremoto in Abruzzo. "Entro fine novembre - ha detto - completeremo la consegna delle case agli sfollati. Un miracolo. Siamo sicuri che riusciremo a farlo - aggiunge il premier - è una sfida che abbiamo voluto lanciare". La consegna delle case inizierà "a partire dal 15 settembre", ribadisce il premier.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog