Cerca

La condanna

Ruby, depositate le motivazioni della condanna per Berlusconi

Il presidente non ha autorizzata i cronisti ad avere una copia dei motivi per cui hanno inflitto sette anni al Cav

Ruby Rubacuori

Sesso comprovato con Ruby. Consapevolezza che la ragazza fosse minorenne. Regista del sistema prostitutivo in atto ad arcore. Scambio tra sesso e soldi. Sono queste le motivazioni per le quali lo scorso 24 giugno i giudici del tribunale di Milano hanno condannato Silvio Berlusconi a 7 anni di carcere con la pena accessoria dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici, per concussione e prostituzione minorile. Motivazioni che sono state depositate questa mattina, a quasi cinque mesi dalla sentenza. Ma che originariamente erano state tenute nascoste ai giornalisti. Nei giorni scorsi sei cronisti, "in qualità di rappresentanti dei giornalisti giudiziari del palazzo di giustizia di Milano", avevano chiesto di poter estrarre copia della motivazione della sentenza a carico di Silvio Berlusconi, "trattandosi di un caso di interesse pubblico e di stringente attualità". Il presidente della quarta sezione penale, Giulia Turri, aveva però respinto la richiesta dei giornalisti, spiegando che ai sensi dell’articolo 116 del codice di procedura penale non sono "soggetti legittimati" a prendere visione delle motivazioni.

Solo un paio d'ore dopo c'è stato il via libera (come dovuto) e si sono potute conoscere le ragioni della condanna del Cavaliere. "Risulta innanzitutto provato che l'imputato abbia compiuto atti sessuali con El Mahroug Karima in cambio di ingenti somme di denaro (circa 3mila euro a prestazione, ndr) e di altre utilità quali gioielli" scrivono i giudici. La ragazza, in particolare, si sarebbe anche fermata due notti nella villa di Arcore. E ancora: "Il Tribunale ritiene che la valutazione unitaria del materiale probatorio illustrato evidenzi lo stabile inserimento della ragazza nel collaudato sistema prostitutivo di Arcore ove giovani donne, alcune delle quali prostitute professioniste, compivano atti sessuali in plurimi contesti".  Silvio Berlusconi "regista del bunga bunga". E’ questo il ruolo che avrebbe rivestito il premier nelle cene di Arcore    "Risulta provato che il regista delle esibizioni sessuali   delle giovani donne - scrivono - fosse proprio Berlusconi, il quale dava il via al cosiddetto bunga bunga in cui le ospiti di sesso femminile si attivavano per soddisfare i desideri dell’imputato, ossia per 'fargli provare piaceri corporeì, come chiarito dalla stessa El Mahroug, inscenando balli con il palo da lap dance, spogliarelli, travestimenti e toccamenti reciproci".

Le formule usate nelle stesse motivazioni provano ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, l'assenza di prove nelle mani dei giudici. Che non a caso usano formule come "il tribunale ritiene..." e "risulta provato" (ma senza testimonianze in tal senso, registrazioni audio o video. E la prova della consapevolezza della minore età della ragazza da parte del Cav starebbe secondo le toghe "nella telefonata che fece alla questura di Milano".  Intanto arrivano le reazioni dei legali del Cav. "Certo che la condanna a un cittadino a sette anni di reclusione in un processo dove tutte le asserite persone offese ne attestano l'innocenza, compresi i funzionari di polizia, è davvero un fatto che poteva accadere soltanto al presidente Berlusconi". hanno affermato l'avvocato Piero Longo e l'avvocato Niccolò Ghedini sulle motivazioni della sentenza Ruby.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramon57

    24 Novembre 2013 - 16:04

    Guardate cosa ci fa un settantenne con il suo strumento. Ve lo spiega Califano. https://www.youtube.com/watch?v=BZ18kTesZ44

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Novembre 2013 - 11:11

    Evviva !! E' ritornato il pompettaro del blog che ha paura del buio, alias l'ingegner pompetta a spiegarci il funzionamento della pompetta del berlusca; sembra quasi che glel'abbia impiantata lui personalmente e intanto continua a farsi le pompe mentali per studiarne meglio il funzionamento.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    24 Novembre 2013 - 09:09

    ho letto la sentenza . mi pare che le tre civette sul comò erano presenti ai maneggi nel lettone , ma vista la loro faccia , nessuno le ha accontentate . vedi lo schifo della rossa di milano . non è una bufala , ma si sa se la signora fosse stata di destra sarebbe stata espulsa dall'ordine con vergogna .

    Report

    Rispondi

  • perfido

    23 Novembre 2013 - 21:09

    lo dissi l'anno scorso e lo ribadisco ancora adesso :"BERLUSCONI, senza pagare, ha scopato donne più presentabili di Ruby".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog