Cerca

Silvio: si ritorna al voto

se tentano il ribaltone

Silvio: si ritorna al voto
Il governo gode di ottima salute, ma nulla va dato per scontato. Così Silvio Berlusconi lancia nuovamente la provocazione: di fronte all’aria di complotto manifestata nei giorni scorsi, il premier nel corso del viaggio negli Stati Uniti, è tornato sulla eventualità di elezioni anticipate. “Il mio governo andrà avanti tranquillamente, ma se non sarà così allora si tornerà al voto”, ha confidato ai giornalisti.
Una confessione che era già stata pescata dalle telecamere di Sky nei giorni più infuocati della polemica su Noemi Letizia, che il presidente del Consiglio aveva poi prontamente smentito. Prima di partire alla volta di Washington, il Cavaliere avrebbe confermato ad alcuni colleghi del centrodestra di voler rompere la tattica di assedio che si starebbe organizzando intorno al governo, come già aveva fatto poche ore prima al convegno di Confindustria a Santa Margherita: “Ho voluto far capire che stavolta non mi faccio ingannare”. Nessun ribaltone in vista, anche se secondo Berlusconi, stando sempre ad alcune indiscrezioni, avrebbe individuato nel mondo dell’imprenditoria altri possibili complottisti.
Vietti: aperta la corsa al dopo Berlusconi - Ieri Massimo D’Alema, intervistato da Lucia Annunziata, ha avvertito l’opposizione a farsi trovare pronta di fronte a probabili scosse nella maggioranza. Gli ha fatto eco, in un certo senso, Michele Vietti, vice capogruppo dell’Udc alla Camera: “Noi siamo con il Pd all'opposizione rispetto al governo, però siamo impegnati in un'operazione diversa che non è quella di pensare a confluenze ed alleanze; noi stiamo lavorando per il dopo Berlusconi e sono d'accordo con Soro che la partita della successione si è aperta”. “Lo stesso risultato elettorale – ha proseguito Vietti nel corso della rubrica settimanale Gr Parlamento ’60 minuti’- fa capire che Berlusconi non è più invincibile e questo apre certamente la partita per il dopo”.
Maroni - Anche il ministro dell’Interno Roberto Maroni è intervenuto questa mattina, facendo riferimento alle parole di D’Alema e in particolare alle ultime indagini che hanno portato alla luce una nuova cellula brigatista: “E’ preoccupante – ha detto Maroni - che metta vicino questa idea della scossa a ciò che abbiamo scoperto in questi giorni, cioè la ripresa di una attività eversiva vera e propria”. “Sappiamo che i brigatisti avevano come obiettivo quello di uccidere la gente e chi governava: non vorrei che le cose fossero collegate. Non so se e' un caso ma vorrei approfondire”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liliano

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Mi auguro che quanto sta ipotizzando la sinistra sia il prosieguo del loro continuo farneticare.Ritengo comunque corretta la risposta di Berlusconi:in caso di caduta del governo,nuove elezioni subito! ianos

    Report

    Rispondi

  • rofiori

    17 Giugno 2009 - 10:10

    E' un classico che i Democristiani (leggasi preti e come BUTTIGLIONE ben rappresenta) sono sempre stai alleati di chi vince......

    Report

    Rispondi

  • andreafini

    17 Giugno 2009 - 09:09

    Da quello che mormorano i giornali e telegiornali sembra che sia in arrivo un terremoto per berlusconi (foto imbarazzanti??) che farebbe cadere il governo. e già D'Alema cerca di raccogliere alleanze o strategie. E si parla di Draghi come capo di un governo tecnico. E la lega si dichiara fedele a Berlusconi. Ma la domanda è... per cosa?!?! Trovo scandaloso che si trami all'oscuro degli elettori, che si tenti di configurare un colpo di stato senza dire su quali basi e su quali avvenimenti... Voi che idea vi siete fatti? è tutta una bolla di sapone che sparirà in qualche giorno? perchè il giornalismo mi sembra molto più convinto del contrario? Se davvero verrà destituito berlusconi io vado in piazza e proclamo la repubblica berlusconiana del nord.

    Report

    Rispondi

  • ludwigterzo

    16 Giugno 2009 - 11:11

    Questa volta non possono passarla liscia.Questi "democratici" al pari dei peggiori dittatori della storia,continuano a minacciare un governo liberamente eletto ed approvato dal suo popolo.Loro,i "democratici",prima vogliono il voto,poi ci diranno in quale gruppo andranno.Ma basta,siete a corto di argomenti,siete all'Alka Seltzer?Quindi ingoiate e state allegri che Berlusconi non sparirà.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog