Cerca

Fassino e i Dossier illegali

"Su di me falsità e vigliaccate"

Fassino e i Dossier illegali
Roma - Fassino furente. Oggi su Repubblica è stata pubblicata un intervista all’ex responsabile della sicurezza Telecom Giuliano Tavaroli, indagato per le attività di spionaggio illegale, il quale indica chiaramente Piero Fassino come il titolare di un conto londinese dove sarebbero transitate tangenti destinate ai Ds. Ma l’ex segretario della Quercia non ci sta: «L'affermazione pubblicata nell'intervista di Giuseppe D'Avanzo al signor Tavaroli, secondo cui non meglio precisate tangenti sarebbero 'approdate a Londra nel conto dell'Oak Fund a cui erano interessati i fratelli Magnoni e dove avevano la firma Nicola Rossi e Piero Fassino è una pura falsità, inventata di sana pianta ». Fassino assicura di non avere mai avuto firme su conti all'estero nè a Londra nè altrove. «Non so nemmeno che cosa sia l'Oak Fund».  Ecco come risponde l’ex Segretario comunista  al suo accusatore,  minacciando, inoltre, querele non solo contro Tavaroli ma anche contro «chiunque altro sia responsabile di questa vigliaccata», compreso l’autore materiale dell’intervista, il giornalista di Repubblica Giuseppe D’Avanzo. La decisione del noto quotidiano di pubblicare i riferimenti che lo riguardano è, a  detta di Fassino, «inconcepibile». «Non si invochi la libertà di stampa o il diritto di cronaca che non c'entrano niente. Qui si sputtana una persona onesta ledendone la onorabilità e la dignità».
Intanto arrivano numerosi i messaggi di sostegno e solidarietà sia dai suoi compagni di partito, sia dalla maggioranza.
«Condivido integralmente la dichiarazione di Piero Fassino e voglio confermargli la mia grande fiducia e stima personale e politica», afferma Walter Veltroni.
«Nessuna persona che conosca l'integrità politica e morale di Piero Fassino può credere a una sola parola di quanto pubblicato questa mattina», sostiene anche il vice segretario del Pd Dario Franceschini.
«Non sono un esperto del 'Telecom-gatè, ma ho grande stima e considerazione di Piero Fassino, che ritengo una persona seria e corretta», dice il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini.
Solidarietà anche capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto: «Fassino è oggetto di una delle solite e indegne aggressioni destituite di ogni fondamento, ma dotate di una forte risonanza mediatica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rizierorm

    23 Luglio 2008 - 11:11

    ...si, si è capito lontano un miglio che l'operazione "mani pulite II" sta per essere messa in atto...d'altronde il partito dei giudici l'ultimatum l'ha già dato da tempo: o con noi o contro di noi...non vi azzardate a fare riforme con il PDL o vi tiriamo dentro in ogni "fogna" possibile...e scommettiamo che dietro questa cosa, il "trebbiatore di Montenero di Bisacce" se la ride ben bene?!? Scommettiamo anche che tra i registi di questo ennesimo scandalo all'italiana c'è il partito dei giustizialisti che non si è arreso alla debàcle dell'8 luglio a piazza Navona? Comunque che la giustizia abbia il suo corso...chi innocente è temere non deve... Riziero Amorosi Bisio

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    22 Luglio 2008 - 20:08

    *** Ecco, lo sapevo. Tutta colpa del cavaliere che si vuol mangiare il grissino di Torino. In fondo è l'unico che ha anche del buon senso ed in mezzo alla mischia forcaiola non si trova a suo agio come sembra dalle ultime esternazioni e poi è del nord di dinastia di industriali, non sarà forse per questo un'intimitazione.

    Report

    Rispondi

blog