Cerca

Goodbye Milano

Il Csm trasferisce la Forleo

Goodbye Milano

Milano - “Incompatibilità ambientale” e incapacità di svolgere le sue funzioni con piena «indipendenza e imparzialità». E’ questa, formalmente, la motivazione con la quale il plenum del Csm ha disposto trasferimento d'ufficio del gip Clementina Forleo, colpevole, con i suoi comportamenti, di aver creato un «disagio diffuso» nel suo ufficio giudiziario e di aver «incrinato il necessario rapporto di reciproco rispetto ed equidistanza» con la procura. La votazione non lascia spazio a dubbi: 20 voti a favore, tre contrari  e un astenuto, il procuratore generale della Cassazione, Mario Delli Priscoli. Per il trasferimento si sono pronunciati il vicepresidente del Csm Nicola Mancino e il primo presidente di Cassazione Vincenzo Carbone. La Forleo, coinvolta nella vicenda Unipol, poco più di un mese fa era stata assolta dall’accusa di aver violato i suoi doveri per i contenuti dell'ordinanza, con la quale nel luglio 2007 chiese alle Camere l'autorizzazione all'uso delle intercettazioni che riguardavano alcuni parlamentari tra cui Massimo D'Alema e Piero Fassino nell'ambito del procedimento sulla fallita scalata Unipol a Bnl. Ci si aspettava un suo reintegro ma il Csm ha preferito optare comunque per il trasferimento del Gip. Ora la Forleo dovrà lasciare Milano, ma annuncia battaglia: "Lotterò fino alla fine dei miei giorni, andrò a testa alta nei tribunali per affermare il principio che la legge è uguale per tutti". Intanto, sulle spalle della pende anche un'altra azione disciplinare, promossa dal Pg di Cassazione, inerente la gestione di un procedimento a carico di tale Farida Bentiwaa, accusata di terrorismo internazionale, processo sul quale il gip aveva avuto contrasti con il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liobal1

    23 Luglio 2008 - 11:11

    Il C.S.M. si è finalmente adeguato ad assegnarsi una definizione che fino ad oggi era prerogativa di altre istituzioni. F.C.I.D.D.C.I.F.

    Report

    Rispondi

blog