Cerca

Martino a Fare Futuro:

bipolari anche senza Silvio

Martino a Fare Futuro:
Per il futuro l’Italia deve sapersi dare un bipolarismo in grado di fare a meno della presenza di una forte personalità, come quella del Cavaliere. Antonio Martino, ex ministro della Difesa e tra gli artefici del centrodestra negli anni scorsi, confessa il suo pensiero in un’intervista rilasciata al magazine on line della fondazione Fare Futuro. Parole misurate per fare il punto sulla situazione istituzionale del nostro Paese e per cominciare a tratteggiare il futuro senza Silvio Berlusconi.
“Il bipolarismo o bipartitismo che ci ritroviamo è affidato oggi alla forte personalità di Berlusconi”, afferma Martino, “una figura che non lascia indifferenti e tende a favorire la bipolarizzazione del sistema politico”. Ma occorre “un sistema che sia bipolare o bipartitico per le regole che lo disciplinano e non per l’esistenza di una forte personalità”.
Quella di Martino è quindi una richiesta: trovare in Parlamento una legge elettorale che garantisca l’equilibrio uscito dalle ultime elezioni, dove “malgrado il sistema elettorale fosse proporzionale”, sono stati molti “i piccoli partiti scomparsi”.
La soluzione per lui sarebbe un “sistema maggioritario a turno unico”, “all’americana per intenderci”. Accompagnata dalla riforma presidenzialista sul modello statunitense. “Che sia vero, però, e non fasullo”, specifica.
“Capita sovente in Francia, e questo non va dimenticato, che il presidente, il primo ministro, e la stragrande maggioranza dei membri del Parlamento siano dello stesso partito: questo porta a un potere senza regole e controlli. È molto meglio un sistema basato sul potere diviso, un sistema in cui l'elezione del capo del governo non dipende dalla maggioranza parlamentare, con il risultato che l'esecutivo può fare l'esecutivo e il legislativo può fare il legislativo”.
Al momento invece sia il Parlamento che il governo sono condizionati nelle loro azione perché “abbiamo un sistema assurdo, nel quale le leggi vengono fatte dal Governo e il Parlamento si limita a ratificarle. E l'esecutivo, dall'altra parte, dipende dal voto del legislativo per restare in piedi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marino43

    03 Luglio 2009 - 10:10

    Dice Martino nella sua intervista: Al momento invece sia il Parlamento che il governo sono condizionati nelle loro azione perché "abbiamo un sistema assurdo, nel quale le leggi vengono fatte dal Governo e il Parlamento si limita a ratificarle. E l'esecutivo, dall'altra parte, dipende dal voto del legislativo per restare in piedi". E' qui che Martino dimentica una cosa importantissima.. che oggi..insisto sull'OGGI..il Governo Berlusconi ha realizzaro una cosa assurda e cioè impone che cio lui e pochi altri decidono poi venga solo rattificato in Parlamneto con la fiducia. OGGI..il governo ha in Parlamento una larga ..larghissima maggioranza...perchè non fa le votazioni normalmente?? Perchè anche se ha grande maggioranza Berlusconi è debole al suo interno. Ma questo Martino non lo dice.. oppure lo sottintende! E concordo anche con chi dice che è Silvio 1° da arcore ad avere bidogno dell'Itaòia e si avvale dei "guardiani della rivoluzione Belusco-Bossiani"

    Report

    Rispondi

  • antari

    03 Luglio 2009 - 08:08

    se me lo riscrivi in Italiano provo a risponderti, ok?

    Report

    Rispondi

  • antoniop41

    02 Luglio 2009 - 17:05

    proponiti tu come persona al servizio del cittadino, accompagnato da NON personalità che hanno paura della loro ombre se devono governare.altrimenti sono potentissimi politici qundo solo all'opposizione o si possono nascondere dietro a chi prende i pugni in faccia.La tua analisi è teoricamente perfetta ,ma utopistica finchè ogni italiano FA una repubblica a se.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    02 Luglio 2009 - 15:03

    Sono pienamente d'accordo con Antonio Martino. Bisogna arrivare al presidenzialismo tipo Usa e non aver paura di evocare la parola presidenzialismo. Naturalmente rimane il mistero della messa da parte di Martino, il cui spessore di fine politico supera di gran lunga quello di tanti ministri in carica. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog