Cerca

Italiana dimenticata da 3 mesi

in una prigione marocchina

Italiana dimenticata da 3 mesi
Rabat (Marocco) - Chiusa in una galera marocchina da 3 mesi, sbattuta in gattabuia come la peggiore delle delinquenti senza che le fosse nemmeno concesso di contattare i familiari per oltre venti giorni dopo il suo arresto. Barbara Fraternali, 44 anni, imprenditrice torinese, incensurata, è in sciopero della fame da oltre 15 giorni nella speranza che la pratica di estradizione, che la dovrebbe portare in Italia, sia convalidata al più presto dalle autorità competenti. Ma fino ad ora nessuno le ha dato ascolto. Di cosa è incriminata? L’accusa è di bancarotta, ma non c’è stato ancora nessun processo che ne attesti la colpevolezza. Per ora è in regime di carcerazione preventiva. Il suo errore? Quello, molto probabilmente, di essersi fidata delle persone sbagliate.
Questa sarebbe potuta essere l’ennesima storia felice di un imprenditrice nostrana  che a fine gennaio si è recata in Marocco nella speranza di trasformare la propria attività in un business di successo. Il sogno era quello di molti. Aveva comprato una piccola azienda dedita alla stampa di materie plastiche, nella speranza di gestirla nel migliore dei modi. Una donna sola, forse mal consigliata negli affari, è entrata in società con persone poco affidabili. Dopo poco tempo l’azienda è fallita, sono fioccate accuse di bancarotta, fallimento, e la signora Barbara si è trovata a vivere il peggior incubo della sua vita. E’ stata raggiunta da un mandato di cattura internazionale emesso da un pm torinese, ma invece di essere portata in Italia per essere sottoposta a un regolare processo è stata arrestata dalla polizia marocchina lo scorso 29 aprile. Da allora, sono passati quasi 3 mesi, Barbara Fraternali è in galera. La sua famiglia  ha allertato le autorità consolari e l’ambasciata italiana in Marocco, ha chiesto a lungo di poter accelerare i tempi della pratica di estradizione, concessa dalla Corte Suprema marocchina, ma le lentezze burocratiche del paese ospitante sono tali da poter richiedere addirittura oltre sei mesi di tempo per convalidare la pratica di rientro in Italia. Nel frattempo, Barbara se ne sta in prigione senza aver subito nessun tipo di processo, senza che alcuna autorità l’abbia giudicata colpevole. Dal momento in cui è stata incarcerata le sue condizioni psicofisiche sono andate peggiorando. Il nove luglio la donna ha iniziato uno sciopero della fame, in segno di protesta contro la lentezza degli iter procedurali marocchini e contro il disinteresse delle autorità consolari italiane che, ad oggi, sembrano non aver fatto molto per aiutarla. Barbara ha perso oltre 15 kg a causa del digiuno e i familiari temono che le sue condizioni di salute non siano compatibili con il rigido regime carcerario a cui è sottoposta. 
La redazione di Libero-news ha contattato personalmente la Farnesina per sollecitare un intervento su questo drammatico caso. Secondo il ministero degli Esteri, “l' Ambasciata italiana a Rabat ha effettuato diverse visite alla signora nel carcere Salé, dove è detenuta”. Ma gli amici di Barbara sostengono che la donna ha ricevuto una sola visita da parte del Primo Segretario del Console di Rabat, il Dott Piero Vaira. Sempre secondo la Farnesina, è stato “chiesto alle competenti Autorità marocchine di alleviare il più possibile le condizioni di detenzione, e, in particolare, ci si è assicurati che la Signora potesse beneficiare di adeguata assistenza medica”. L’autorità consolare italiana a Rabat avrebbe, inoltre, “rappresentato ad adeguato livello presso le Autorità marocchine la forte aspettativa che vengano definite in tempi molto rapidi le già avviate procedure di estradizione (la Corte Suprema marocchina ha accolto a maggio la richiesta di estradizione presentata da parte italiana)”. Intanto, però Barbara è in carcere da tre mesi.
Infine, il ministero riporta che “ulteriori passi sono stati svolti da quando è iniziato lo sciopero della fame della Signora Fraternali, le cui condizioni di salute sono costantemente seguite dalle Autorità diplomatico-consolari italiane in Marocco”. Su questo punto esprime notevoli perplessità la sorella della detenuta, Claudia Fraternali. “Mio padre si è recato in Marocco per far visita a mia sorella ed è stato letteralmente abbandonato a  se stesso. Nessuno che si sia mosso per dargli delle informazioni, il Consolato italiano ha cominciato a interessarsi del caso di mia sorella solo da quando Barbara ha iniziato lo sciopero della fame. Serviva questo per essere notata? Una persona deve morire di fame affinché le autorità competenti si interessino al suo caso?”. “Barbara deve rientrare in Italia. L’udienza preliminare è stata rinviata al 26 settembre, ma non può restare in carcere fino a quella data: rischia di morire”. La signora Claudia è in stretto contatto con  il Dott. Piero Vaira, il Primo Segretario del Console italiano di Rabat, che si è reso disponibile quale tramite diplomatico di questa vicenda. “Sento regolarmente il Dott. Vaira via mail ma non ci siamo mai parlati per telefono”, prosegue Claudia Fraternale, “non faccio altro che chiedergli quando sarà possibile far rientrare mia sorella in Italia, ma tutto quello che ottengo sono  risposte vaghe e tiepide rassicurazioni, mentre Barbara continua a restare in galera. Qualcuno, ve ne prego, l’aiuti”.
Abbiamo sentito anche il legale italiano impegnato sul caso, l’avvocato torinese Vittorio Nizza, che giudica incredibile, nella sua drammaticità, l’intera vicenda. “La mia assistita è in galera senza che su di lei sia stato formulato un regolare giudizio di colpevolezza”, tuona l’avvocato. “In Italia un caso di bancarotta come quello in cui è stata, suo malgrado, coinvolta la signora Fraternali sarebbe risolvibile in tempi rapidi e, molto probabilmente, senza bisogno di nessuna misura cautelativa. Possibile che, invece, lei sia in galera da oltre 3 mesi? Quanto ancora dovremmo aspettare affinché sia concessa l’estradizione? Il Consolato italiano di Rabat  deve fare qualcosa”.
Libero-news si associa all’appello della famiglia e del legale Nizza affinché Barbara Fraternali torni presto in Italia, sperando che le autorità italiane si dedichino a questo caso e lo risolvano in tempi quanto più rapidi possibili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nerocavallo

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Egregio Dott. Gianluigi Paragone, sono a proporLe l'inserimento di questa vicenda, che peraltro parla innazitutto di mancata Giustizia, nel suo blog. Sono sicuro che tutti i lettori perbene che animano il suo sito potranno esprimere la loro solidarietà a questa nostra concittadina che ha dovuto ricorrere allo sciopero della fame per essere "vista". Non discrimini la provenienza di questa richiesta solo per il fatto che chi la inoltra appartiene alla classe degli statali. Guardi al suo contenuto e accolga l'istanza. In cuore mio c'è la consapevolezza che un blog oltre a dare "visibilità" (e molto spesso INFORMAZIONE), quasi sempre, riesce anche a rendere Giustizia. Penso che la cosa (un blog dedicato), farebbe molto piacere ai familiari dell'interessata. La mia rischiesta è supportata dal fatto che la notizia è pubblicata già da ieri ma ancora nessuno dei lettori si è fatto sentire. I miei ossequi. (Ho riscritto il commento perché non è stato pubblicato nella sezione riservata agli "ultimi commenti agli articoli").

    Report

    Rispondi

  • giovannifalcone

    11 Agosto 2008 - 10:10

    Maverick57, tutto vero e giusto quanto da te scritto, io lo sto denunciando sul mio blog: http://giovannifalcone.blogspot.com a riguardo della triste vicenda di mio figlio Angelo detenuto in India, il fatto è che solo l'Italia non si preoccupa di far rispettare le Leggi Internazionali, a noi tutti possono fare tutto e nessuno ha mai qualcosa da ridire e ne approfittano.

    Report

    Rispondi

  • nicola.rosa

    27 Luglio 2008 - 22:10

    Una carcerazione preventiva di tale portata per fatti certamente non criminali è definibile con una sola parola:vergogna. Il consolato italiano di quel paese, poi, farebbe meglio se dicesse quali passi sono stati fatti invece di trincerarsi dietro il solito linguaggio burocratico. Se un qualsiasi cittadino maghrebino in Italia avesse fatto anche una rapina, dubito dell'applicazione di tanta severità. E dico una rapina, non un'operazione commerciale andata a male tanto che la connazionale avrà anche perso il capitale oltre alla sopportazione delle spese legali.Mi piacerebbe conoscere il parere dell'On.le Frattini, solitamente così compìto nelle interviste da mostrare un aplomb quasi unico e certamente raro.

    Report

    Rispondi

  • moicano

    27 Luglio 2008 - 22:10

    Ci sono italiani arrestati in molti Paesi del mondo, dove si trovavano per lavoro o vacanza, la maggior parte innocenti, che sono lasciati in balìa di leggi e tribunali che non riconoscono le basilari garanzie procedurali e i nostri Governi se ne infischiano totalmente, ci sono pescherecci della nostra flotta che vengono sequestrati dai guardacoste dei Paesi del Mediterraneo che pretendono in cambio del rilascio multe (riscatti) di centinaia di migliaia di euro e i nostri Governi non fanno niente per tutelarli. Ci sono poi delle persone che i guai se li vanno a cercare con il lanternino, nelle zone di guerra, vedi le due Simona o la Sgrena, per il cui rilascio si smuovono Governi, organizzazioni umanitarie e parecchi soldi (nostri). Qual'è la differenza? La politica (-ccia), amici miei. Forse la signora Fraternali anzichè fare lo sciopero della fame, avrebbe fatto meglio a tirare fuori una bandiera della pace e dichiarare di essere una militante di sinistra, contro la guerra in Iraq, contro la politica di Bush, contro il nucleare meno quello dell'Iran, essere un po' gay e, infine, che tiene per l'elezione di Obama, a quest'ora sarebbe già in Italia ed ospite di qualche talk show.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog