Cerca

Moratti: impronte ai bimbi rom

Il Garante: è discriminazione

Moratti: impronte ai bimbi rom

Roma - Dopo l’annuncio di ieri del ministro dell'Interno Roberto Maroni, a proposito della volontà di registrare le impronte digitali dei minori presenti nei campi nomadi per “per evitare fenomeni come l'accattonaggio e garantire a chi ha il diritto di rimanere di poter vivere in condizioni decenti”, il sindaco di Milano, Letizia Moratti, dichiara, a margine della prima conferenza programmatica dell'Anci in corso a Roma, di apprezzare questo provvedimento.  Un censimento delle presenze nelle aree destinate ai rom potrebbe, secondo la prima cittadina del capoluogo lombardo, facilitare il compito delle forze dell'ordine e costituire una reale opportunità di tutela per i minori che vivono nei campi nomadi.
Di tutt’altro avviso l’Unicef, il fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, che attraverso il suo presidente, Vincenzo Spadafora, esprime “stupore e grave preoccupazione” per questa proposta. “I bambini rom non sono diversi dagli altri bambini e non possono e non devono essere trattati come gli adulti”, incalza Spadafora. 
E a una proposta che viene considerata, a torto o a ragione, così provocatoria, il presidente dell’Unicef risponde con un'altra provocazione: “Verrebbe da proporre al ministro, per rispettare il diritto all’uguaglianza, di schedare allo stesso modo tutti i bambini italiani”.
Dello stesso avviso anche il Garante per la protezione dei dati personali. L'Authority teme che l'eventuale ricorso alle impronte sui bimbi rom "potrebbero coinvolgere delicati problemi di discriminazione, toccando anche la dignità delle persone e specialmente dei minori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Buonsensononmente

    30 Giugno 2008 - 11:11

    Segnalo alla Redazione che nella rossa Emilia e precisamente nel rosso comune di Castellarano, nella rossa provincia di Reggio Emilia, da oltre un anno è in corso la sperimentazione della carta d'identità elettronica, di cui il Comune è propagandisticamente solito vantarsi. In pochi minuti si ottiene il documento formato carta di credito, foto in digitale comprese. Banda magnetica, microchip, ologramma e ... udite udite.. la scansione dell'impronta digitale del dito indice sinistro. Quando si dice ...la malafede!!

    Report

    Rispondi

  • gordon5

    27 Giugno 2008 - 17:05

    Sono anni e anni che aspetto di sentire qualcuno di questi garanti che esprimono stupore e gravi preoccupazioni proporre qualcosa di costruttivo, un idea,un progetto. Si deve pur trovare un modo per censire inequivocabilmente queste persone, che vivono stabilmente sul nostro territorio ma sfuggono a tutte le regole sociali comprese quelle che la nostra legge stabilisce per i minori. Allora , cari signori, invece di appellarvi sempre a parole di stupore, disdegno e discriminazione qual'è la proposta concreta??

    Report

    Rispondi

blog