Cerca

Newsweek elogia Berlusconi

Ha fatto miracoli per l'Italia

Newsweek elogia Berlusconi
Un miracolo in 100 giorni: è quello che ha compiuto Silvio Berlusconi dopo aver vinto le elezioni dello scorso aprile. Ad affermarlo è il settimanale americano Newsweek che pubblica un articolo su come il presidente del Consiglio abbia riportato l’ordine nella caotica Italia e come si preparare ad affrontare il futuro.
“Nei suoi primi 100 giorni di mandato, Silvio Berlusconi ha fatto l’impossibile: mettere in ordine questa che sembra una nazione apparentemente ingovernabile”, attacca il pezzo della rivista nel quale si ricorda che il Cavaliere può vantare un indici di approvazione del suo operato pari al 55%, ben più alto di quello di Gordon Brown in Gran Bretagna, di Nicolas Sarkozy in Francia e di José Luis Zapatero in Spagna. Un successo europeo, a conti fatti.
L’italiano, sempre secondo il settimanale americano, dopo dieci anni di crescita economica vicina allo zero (la Bank of America ha previsto una crescita dello 0.5% per il 2008), chiede soprattutto sicurezza, anche quella finanziaria. Da qui il poco interesse per le polemiche sorte in seguito al lodo Alfano: “Gli italiani si sentono troppo poveri per occuparsene”, si legge. Mentre Berlusconi, “con il pungo di ferro in guanto di velluto”, sta rispondendo alle loro esigenze, “dispiegando migliaia di soldati in tutta Italia nel tentativo di usare la mano pesante contro l'immigrazione e la piccola criminalità”. Rimane l’incognita delle tasse: gli italiani sono quelli che ne devono pagare di più in Europa e Berlusconi deve trovare ancora il modo per affrontare il problema.
Nel ripercorrere gli atti dell'ultimo governo, dallo stato d'emergenza per combattere l'immigrazione clandestina, alla legge per la raccolta delle impronte digitali dei rom, Newsweek parla di una manovra “ammorbidita da Berlusconi” di fronte all'opposizione di gruppi per i diritti umani e dell'Unione Europea. “Ma all'inizio di agosto, ha schierato migliaia di militari nelle strade italiane” precisa. Nel frattempo ha ripulito Napoli dalla spazzatura. Un successo in più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curatola

    16 Agosto 2008 - 12:12

    la terza fase del governo dovrebbe essere combattuta per far due grandi battaglie: ridurre o azzerare la durata fra un lavoro e l'altro (vera precarietà) e ridurre o azzerare il numero dei poveri (quelli veri però) facendo emergere i finti poveri (non solo gli evasori) cioé quelli che appaiono più modesti di quello che sono e ottengono benefici a spese di tutti.

    Report

    Rispondi

  • curatola

    16 Agosto 2008 - 12:12

    Credo che ora B sta divertendosi a fare politica e se nel giro di cinque anni riesce a cancellare il berlusconismo e l'antiberlusconismo può ben diventare il successore di un comunista raffreddato.

    Report

    Rispondi

  • sicilianodoc

    14 Agosto 2008 - 11:11

    Era nell'aria,solo Silvio Berlusconi poteva e puo'fare qualcosa per questo nostro paese sgangherato lasciatoci da Prodi.E'evidente che il cavaliere sta dando un forte segnale di fiducia nel suo operato e per fortuna qualcuno cominca ad accorgersene.Auspico che l'esecutivo continui la strada del risanamento del nostro paese e che se ne infischi delle sterili polemiche provenienti da un qualsiasi"don"di turno,e dell'opposizione irresponsabile fondata solo sull'antiberlusconismo.

    Report

    Rispondi

  • stef1953

    13 Agosto 2008 - 15:03

    plaudo al newsweek per aver avuto il coraggio di cambiare opinione, anche se non mi faccio illusioni perché potrebbe ricambiarla alle prossime pressioni che subirà sono ancora sconvolto, invece, dell'articolo di Famiglia Cristiana, che si commenta da solo per meschinità, pochezza, inutile polemica! Penso che il cambio di rotta prima o poi coinvolgerà tanti italiani finora scettici, ma il Governo deve continuare imperterrito fregandosene dei vari dipietro che cercano di sbarragli la strada

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog