Cerca

Il Dalai Lama: attenti alla Cina

Non rispetta la tregua olimpica

Il Dalai Lama: attenti alla Cina
Parigi - Il Dalai Lama, nel corso di una conferenza a Parigi prima dell'incontro con i deputati francesi, ha dichiarato che la comunità internazionale ha la responsabilità ''di portare la Cina nella direzione della democrazia mondiale''. Questa direzione, secondo il leader spirituale tibetano, non è seguita in maniera corretta dalla Repubblica cinese che non rispetta la "tregua olimpica" e continua la repressione in Tibet. “La comunità mondiale - ha aggiunto - ha il dovere morale di far rispettare i valori umani alla Cina" sui quali "bisogna essere fermi". “Mentre i Giochi sono in corso, continuano l'oppressione del popolo tibetano”, sono state le parole del leader buddhista, al secolo Tenzin Gyatso.
“Nel frattempo”, ha proseguito il Dalai Lama, “bisogna che siamo fermi su certi principi come la democrazia, i diritti umani, la libertà di stampa, lo stato di diritto”. In proposito la Somma Guida tibetana aveva già lodato la presa di posizione del presidente americano George W. Bush il quale, a poche ore dall'inaugurazione dei Giochi, aveva manifestato la “profonda preoccupazione” sua e degli Stati Uniti per la situazione dei diritti dell'uomo e della libertà religiosa in Cina. Poi aveva avuto parole di elogio anche per la “trasparenza” di cui le autorità cinesi diedero prova in occasione del terremoto che il 12 maggio scorso devastò il sud-ovest del Paese. “Auspichiamo che tale trasparenza aumenterà, ma sulla questione del Tibet la Cina si nasconde. La paura è un problema grave, è un segno di debolezza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianniob

    14 Agosto 2008 - 12:12

    Ma c'è ancora chi crede nella democrazia dei comunisti? Per loro quella parola significa: tutti devono seguire le direttive del partito.

    Report

    Rispondi

blog