Cerca

Travaglio e la nuova Unità

"Scusate, ma non ho capito"

Travaglio e la nuova Unità

Non ha capito e lo fa intendere a chiare lettere dalle colonne del giornale per cui scrive, quell’Unità che è passata dalle mani di Antonio Padellaro a quelle di Concita De Gregorio. Marco Travaglio esprime i suoi dubbi sul cambio di guardia alla direzione del quotidiano con un articolo dal titolo “Scusate ma non ho capito”, rivolgendosi (direttamente ed indirettamente) all’editore Soru e alla classe dirigente del Partito democratico. “Avrei preferito che qualcuno spiegasse perché l’avventura di questo giornale risorto per il duo Colombo – Padellaro debba finire”. Una decisione che secondo il giornalista arriva da lontano, da quando Veltroni lasciò detto in una intervista al Corriere della sera che auspicava un direttore donna, dopo che Furio Colombo era stato messo all’angolo da un’azione di mobbing di certi ambienti dei Ds, “insofferenti per la linea troppo autonoma, troppo aperta, diciamo pure troppo libera del giornale”.
Il successo della direzione di Colombo prima e Padellaro poi per Travaglio passa anche dai giorni delle ultime elezioni quando “tornò (Silvio Berlusconi, ndr) a sventolare minacciosamente l’Unità additandola a nemico pubblico numero uno”. Da qui una serie di riferimenti verso il Cavaliere, da 15 anni padrone della politica.
Nel concludere il suo affondo, Travaglio ricorda i bei giorni di collaborazione con Padellaro per le rubriche che accompagnano ogni giorno l’edizione del giornale “fondato da Antonio Gramsci”, come hanno tenuto a ricordare quelli del comitato di redazione la settimana scorsa, timorosi che la scritta possa scomparire dalla testata. E Travaglio si immola per la causa: “Un giorno – mi diceva spesso Antonio, tra il serio e il faceto – me la faranno pagare tutti insieme, le tue rubriche, insieme al resto. Ma tu scrivi tutto, è troppo divertente”. Il congedo è da strappalacrime: grazie “per avermi sopportato, da gran signore e da liberale autentico, a suo rischio e pericolo”. Una splendida avventura, ma forse ora la festa è finita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curatola

    28 Agosto 2008 - 17:05

    nella classifica dei bottom ten metterei: travaglio colombo grillo di pietro la guzzanti crozza annunziata scalfari mieli la berlinguer

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    28 Agosto 2008 - 16:04

    Egr. Rispetto. Ogni volta che su queste pagine compare qualche notizia che riguarda Travaglio si scatena una bagarre fatta di insulti ed invocazioni di censura. Per molti "liberali" che frequentano questo blog sono faziosi solo quelli che non sono in sintonia con il verbo di Arcore e quindi, vanno zittiti ed insultati. E' inutile che lei solleciti una sconfessione di ciò che dice o scrive Travaglio nè tantomeno un dibattito sul merito di ciò che dice. Il tifo, anche in politica, oscura le menti e fa diventare sudditi i cittadini. ma a molto va bene così (purtroppo). Luigi.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    27 Agosto 2008 - 15:03

    Non mi stupisco che non capisca.Ma quando mai Travaglio capirà qualcosa,se non i suoi propri interessi? Però,però, se ora rimane orfano dell'Unità, può sempre optare per Famiglia cristiana, che ultimamente lui e i suoi amici hanno tanto incensato per meriti antiberlusconiani.

    Report

    Rispondi

  • giovannismussi

    26 Agosto 2008 - 17:05

    Ma non chi ci piscia sopra le nostre scarpe,perciò queste critiche se le merita tutte e se possibile di più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog