Cerca

Cordata italiana per Alitalia

Un miliardo di euro e 16 soci

Cordata italiana per Alitalia
E’ nata e si chiama Compagnia aerea italiana. Si tratta della “newco” per Alitalia che rileverà il marchio e le attività della compagnia di bandiera, vale a dire le attività di volo, le rotte e la flotta, oltre ad una parta dei dipendenti attuali. Tra le altre cose, proprio la flotta sarà integrata con quella di Air One, portata in dote da Carlo Toto. Presidente è Roberto Colaninno, amministratore delegato Rocco Sabelli. Al momento si contano sedici soci e il capitale ammonta a un miliardo di euro. I debiti e gli esuberi, che dovrebbero aggirarsi tra le 5-6mila unità, per quanto sia ancora da confermare, saranno trasferiti a un’altra società.
Nuovi sviluppi si registrano anche per quanto riguarda il fronte del partner straniero. Con molta probabilità sara Air France – Klm, la stessa compagnia che ha tentato l’assalto ad Alitalia nella scorsa primavera, presentando un’offerta di acquisto. Domani i vertici di Intesa saranno a Parigi per incontrare il top manager dell’azienda transalpina e presentare i contenuti del piano Fenice.
Il piano di Intesa prevede l’ingresso, pur se non immediato, di un partner internazionale, dato che nei giorni scorsi si era parlato di un possibile accordo con Lufthansa. Il ritorno di Air France è quindi una mezza sorpresa. Con la compagnia di bandiera tedesca è comunque in programma un incontro sempre da parte dei vertici Intesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rino.datoyahoo.it

    27 Agosto 2008 - 15:03

    Caro DIRETTORE, forse mi sbagliero', ma nella cordata risento, a mio malincuore, il nome di roberto colaninno, colui al quale il sig. d'alema s..vendette la 4 o 5 potenza mondiale delle Telecomunicazioni. Eppure negli anni non ricordo di aver letto questo nume tra i piu' ricchi al mondo. Naturalmente, come avra' gia' capito, sono dipendente Telecom, che si avvia al licenziamento di 5.000 poveretti in prima battuta e i successivi 15.00 entro il 2010. Le ricordo che quella di colaninno e' la prima scalata anomala, sulla quale nessuno ha mai aperto bocca e nessuno ha mia indagato.Le Telecomunicazioni in un Paese sono la srategia per eccellenza e per tale motivo dovrebbero essere statali. Cordiali saluti.

    Report

    Rispondi

blog