Cerca

Alitalia, Berlusconi:

"Ce l'abbiamo fatta"

Alitalia, Berlusconi:

“Avevamo il dovere di intervenire e siamo intervenuti con concretezza: ci siamo riusciti”. Silvio Berlusconi parla del rilancio dell’Alitalia nel corso di una conferenza stampa in cui spiega il piano di salvataggio della compagnia di bandiera. Un successo che necessiterà di alcuni sacrifici, ma pur sempre un successo. L’esordio è diretto al passato, alle trattative che hanno preceduto le elezioni e che furono condotte ai tempi del governo di centrosinistra: “Il governo Prodi voleva svenderla ad Air France, noi avevamo il dovere di intervenire e lo abbiamo fatto”. L’Italia per il premier non può restare senza compagnia aerea, “è indispensabile”, e sottolinea che i protagonisti di questa operazione sono protagonisti italiani.
I sacrifici, dicevamo. Berlusconi non vuole nascondersi e lo ammette: “Ci saranno sacrifici e il personale sarà ridimensionato, ma gli esubero saranno meno di quanti ne prevedeva l’ipotesi Air France”. A proposito del ruolo della compagnia straniera, il presidente del Consiglio ha fatto intendere che saranno soci o partner di minoranza, assicurando che i piccoli azionisti e risparmiatori verranno tutelati. “Questa era l’unica scelta possibile, perché l’alternativa era il fallimento”, chiude il suo intervento il Cavaliere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GBalsamo

    29 Agosto 2008 - 16:04

    ancora con sta storia dei sinistri/destri blablabla ma andate allo stadio và........usate la testa, non gli slogan da TG4....... Nel 2001 il titolo azionario Alitalia stava a 10€ per azione, finita l'era Berlusconi I stava a 1€.......non se n'era accorto nessuno?

    Report

    Rispondi

  • Pascal50

    29 Agosto 2008 - 12:12

    ...Vai avanti così Silvio. Non ascoltare la platea di sinistra,loro sono nell'ombra perchè hanno fatto solo danni e chiacchiere, hanno tutta le ragioni del mondo di rimanre nell'ombra....in eterno!. Andiano avanti così,Ici,Napoli e Alitalia..tre problemi risolti in breve tempo nessuno avrebbe fatto meglio!.

    Report

    Rispondi

  • fieromeridionale

    29 Agosto 2008 - 11:11

    Il "salvataggio" Alitalia è la solita barzelletta all'italiana: ci si riempie la bocca di belle parole come libera concorrenza, mercato; ci si esalta per aver eliminato l'Ici, e poi: ancora soldi pubblici (cioé, pagati dai contribuenti) agli amici degli amici, esuberi da 2500 (AirFrance) a 7000! da salvaguardare ancora una volta con i nostri soldi (Cassa Integrazione e via dicendo), scalo favorito tra tutti Milano. Alla faccia di Roma ladrona e tutto il resto!! Tra un po' ci sarà l'inaugurazione della Fiera del Levante a Bari: sono proprio curioso di sentire che cosa il Premier avrà il coraggio di dire (per la cronaca: Bari pare sia stata cancellata tra i futuri scali della nuova compagnia...e meno male che per il sud vogliamo puntare sul turismo!) Povera Italia!

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    29 Agosto 2008 - 11:11

    Vedremo...in un epoca in cui si tende a globalizzare tutto chissà perchè litalia è invece da tenere statalizzata in pratica.........così altri 300 milioni (come minimo...) delle nostre tasse sono andati a farsi benedire......alla faccia della riduzione dei costi ect etc etc Appuntatevi il n° di esuberi dei tempi AirFrance e quello che verrà proclamato dalla "cordata italiana" e vedremo di quanto sarà inferiore, quell'uomo parla per lo più a vanvera e poi ritratta memori che secondo lui tutti sono degli imbecilli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog