Cerca

Eluana, lo stop della Regione

"Continueremo ad alimentarla"

Eluana, lo stop della Regione
Milano - Eluana continuerà ad essere alimentata normalmente. Con una lettera ufficiale, il direttore generale della Sanità della Regione Lombardia, Carlo Lucchina, sostiene che “il personale sanitario non può sospendere l'idratazione e l'alimentazione artificiale della paziente” perché “verrebbe meno ai suoi obblighi professionali e di servizio”. La richiesta presentata Beppino Englero, padre di Eluana, di sospendere l’idratazione artificiale della figlia, in coma dal 1992, “non può essere esaudita in quanto le strutture sanitarie sono deputate alla presa in carico diagnostico - assistenziale dei pazienti”, si legge nella lettera. “In tali strutture, hospice compresi, deve inoltre essere garantita l'assistenza di base che si sostanzia nella nutrizione, idratazione e accudimento delle persone”. “Il personale sanitario che procedesse, in una delle strutture del Servizio Sanitario, alla sospensione dell' idratazione e alimentazione artificiale - scrive ancora il direttore generale della Sanità lombarda - verrebbe dunque meno ai propri obblighi professionali e di servizio anche in considerazione del fatto che il provvedimento giurisdizionale, di cui si chiede l'esecuzione, non contiene un obbligo formale di adempiere a carico di soggetti o enti individuati”.

Ma il papà di Eluana non si arrende: “C'è un decreto e deve essere eseguito, seguiremo tutte le vie legali”. Questo è  l'unico commento alla risposta della Regione da parte del signor Englaro. "Noi andremo fino in fondo, perché è questa la strada che stiamo seguendo - ha aggiunto - Ora vedremo dal punto di vista legale come superare quest'altro ostacolo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curatola

    04 Settembre 2008 - 19:07

    e' una tragica telenovela senza fine.

    Report

    Rispondi

blog