Cerca

Silvio spegne le polemiche:

basta menzogne, l'Ici non torna

Silvio spegne le polemiche:
Passeggiando per Roma, Silvio Berlusconi coglie l’occasione per mettere a tacere le polemiche sull’Ici. Nega tutto, la tassa sulla prima casa non tornerà. Per il Cavaliere “siamo davvero al festival della menzogna”. “La casa è un bene primario per ogni famiglia italiana. Abbiamo tolto l'Ici e non ci sarà nessun'altra imposizione”, rassicura. Le stesse prese di posizione arrivano da tutto il centrodestra, che nega la possibilità che l’Ici possa ritornare con la riforma del federalismo. Anche la Lega sgombra il campo da qualsiasi dubbio: “Piuttosto che rimettere l'Ici, una tassa ingiusta, espropriativa, morta e sepolta prendo una tanica di benzina e vado a bruciarmi davanti al Quirinale”, dichiara Roberto Calderoli. Sulla stessa linea Daniele Capezzone: “L'Ici è una pagina del passato, che il governo Berlusconi ha opportunamente cancellato. Non tornerà. Ormai lo spettro dell'Ici continua ad esistere solo nella confusa propaganda della sinistra”.
Il federalismo fiscale resta comunque al centro del dibattito nella maggioranza. In un'intervista al Secolo d'Italia, il vicepresidente dei deputati del Pdl, Italo Bocchino, chiede che si approfondisca ulteriormente il testo in modo da evitare che non diventi “una bandiera della Lega”. “La prossima settimana il documento sarà discusso con i gruppi parlamentari, perchè è evidente che l'intelaiatura del progetto è condivisa, ma c'è da sviluppare un approfondimento di metodo e di merito che renda questo provvedimento non solo una bandiera della Lega Nord e che possa essere condiviso e metabolizzato da tutte le forze politiche della maggioranza”, lascia detto Bocchino. Gli risponde proprio Calderoli in qualità di ministro per la Semplificazione normativa: “Il federalismo della Lega era quello della Lombardia. Questo invece è il federalismo di tutti, è costituzionale prima che solidale perchè garantisce i diritti e i doveri di tutti i cittadini ed è il frutto dei suggerimenti di tutte le forze politiche e di tutte le aree del paese”. Per chiudere una frecciatina polemica: “E’ da mesi che lavoriamo tutti insieme per raggiungere un risultato positivo. Detto questo l'unica cosa che io e la Lega non accettiamo è che su temi tanto delicati ci possa essere qualcuno che si prenda un mese e mezzo di ferie mentre noi abbiamo lavorato duro tutta l'estate”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    07 Settembre 2008 - 16:04

    Il federalismo è cosa buona se tutte le regioni partissero daccapo, come nelle partite di biliardo o se volete di scopa. Da capo a zero. Se invece si parte a macchia di leopardo, chi con deficit da far paura e chi con un bilancio in attivo è naturaliter che a rimetterci saranno le regioni del sud in ispecie, indebitate sino alla cima dei capelli. E l'astuto Calderoli dall'occhio lucido e spiritato e con la volpe sotto al braccio, ha pensato bene, per accattivarsi le simpatie degli enti locali, rapaci come falchi pellegrini,di mettere nero sul bianco che a loro tornerà l'autonomia impositiva. Hai voglia il cavaliere a dirci che l'ICI non tornerà.Torneranno le tasse numerose ed onerose specie in quelle regioni con l'acqua in gola, asfittiche ed indebitate sino alla cima dei capelli. Che bisogno c'è di rimetetre l'ICI? Basta aumentare le tasse sui servizi, di scopo e quant'altro. Il bilancio in un modo o in un altro deve quadrare.Ici o non Ici. E visto che i nostri enti locali sanno tassare solo il reddito fisso, a rimetterci saranno soprattutto loro, ripeto SOPRATTUTTO E NON SOLO. Il federalismo così come siamo messi, sarà una fregatura, in quanto prematuro e che ci trova impreparati e pieni di debiti. Sarà peggio che andare in Europa , a testa bassa e con uno stato sociale Molok mangiasoldi a tradimento .

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    07 Settembre 2008 - 11:11

    Silvio grande Silvio. SIGNOR PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, vede dire che l'ICI non torna è facile ma "sibillina". Lei Signor Prsidente deve chiarire che sulla prima casa nessun balzello di nessun genere deve essere applicato nè direttamente nè indirettamente: la Casa rappresenta la dignità dell'uomo e la dignità non va tassata. Se cosi' non sarà credo che questo governo dovrà fare i bagagli. ( Ma...tranquilli tutti ....non torneranno i soliti noti... oramai gli Italiani sono ALLA FAME... non so se avete capito) Pace e bene

    Report

    Rispondi

blog