Cerca

Scuola, Bossi critica la Gelmini

Polemica sull'insegnante unico

Scuola, Bossi critica la Gelmini

Milano - E anche quest’anno la scuola è cominciata. Per gli studenti della Lombardia, i primi a sedersi sui banchi, così come per gli oltre sette milioni di ragazzi in età scolare, sarà un anno ricco di novità e di qualche polemica per il nuovo corso introdotto dal ministro Mariastella Gelmini, con il ritorno delle valutazioni numeriche e del voto in condotta, nonché con la discussa reintroduzione del maestro unico alle elementari. Questa, forse, la novità tra le più controverse del decreto legge approvato dal primo consiglio dei ministro dopo la pausa estiva. Una decisione, quella della Gelmini, che ha suscitato numerose polemiche anche all'interno della maggioranza, con il leader del Carroccio che non ha risparmiato numerose frecciate alla sua collega all’Istruzione.

Per Umberto Bossi, presente ad un comizio a Torino,  l’ insegnate  unico “costa un sacco di soldi in meno, ma il ministro sa che per capire cosa serve alla scuola bisogna esserci stati dentro, avere fatto come minimo l'insegnante”. E poi: “L'insegnante unico se è cattivo può rovinare i bambini, il rischio c'è molto meno con più insegnanti”. Una donna dalla sala dove si è tenuto il comizio per la festa torinese della lega nord ha poi gridato al leader del Carroccio: “Mandala a casa, la Gelmini!”. La risposta di Bossi: “Piano, se si manda a casa un ministro, è facile poi che il governi si ingrippi. Prima, figliola, facciamo il federalismo”.

La replica del ministro dell’Istruzione, davanti alle parole infuocate del Senatur,  non si è fatta attendere. “Sono stupefatta della confusione mentale di Umberto Bossi, che a metà agosto ha detto che tre ministri erano troppi e ne bastava uno, ed oggi, 7 settembre, dice esattamente l'opposto”. “Sempre ad agosto”, ha proseguito Mariastella Gelmini, “Bossi ha anche detto che per i ragazzi sarebbe meglio avere un unico punto di riferimento. Si metta d'accordo con se stesso prima di parlare di scuola. Per fortuna il Governo, con le misure previste da Tremonti e da me attuate, grazie al voto del Parlamento ha già deciso”. “Un insegnante unico”, conclude il ministro dell’ Istruzione, “avrà maggiore attenzione per il bambino che apprende e sarà soprattutto un educatore, in grado di favorire la crescita integrale dell'alunno. Daremo in questo modo maggiore sicurezza alle famiglie. Siamo una comunità, il triangolo insegnanti, genitori e studenti va fatto funzionare armonicamente”. A dare man forte al ministro Gelmini ci pensa il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che, in una nota, invia il suo saluto agli studenti che da oggi tornano tra i banchi e alle loro famiglie e augura anche “buon lavoro al ministro dell'Istruzione, che si sta impegnando a fondo per rilanciare la scuola avendo come primo obiettivo quello di fornire agli studenti un'educazione di qualità”. “In questo quadro”, sottolinea il presidente del Consiglio, “rientrano l'introduzione dell'educazione civica, del voto in condotta e del ritorno del voto al posto del giudizio, oltre al principio del maestro unico, che non farà certo venire meno il tempo pieno e che verrà ovviamente affiancato dagli insegnanti per lo studio delle lingue straniere”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iginorusso

    08 Settembre 2008 - 19:07

    Parecchi politici di entrambe le coalizioni in questi mesi si son dati da fare ad individuare presunti stati di "confusione mentale" fra gli avversari, dovuta a contraddizioni, dichiarazioni avventate, smentite, precisazioni e così via. Ora, che queste "incertezze" avvengano fra i miei amici della Sinistra ovviamente mi dispiace. Sappiamo che è un momentaccio, ma pazienza. Quanto meno, mi dico, dall'opposizione non si possono far danni al paese. I guai seri però li temo da parte di chi governa. Dichiarazioni ad effetto, smentite e rettifiche si susseguono a raffica: Bossi, Calderoli, Gelmini, La Russa hanno detto e corretto di tutto su ICI, scuola, ultras eccetera. A buon diritto staranno lì cinque anni, certo. Ma quando finirà la campagna elettorale? Quando finiranno Bocchino, Capezzone, Cicchitto, Gasparri, di dar conto ad un'opposizione (momentaneamente spero) allo stato larvale e metteranno mano ai problemi del paese, possibilmente con delle idee chiare? La maggioranza ce l'hanno e nessuno gliela tocca.

    Report

    Rispondi

  • ludwigterzo

    08 Settembre 2008 - 18:06

    Bossi sbaglia e di grosso. Il maestro unico è necessario proprio per il bene del bambino! Ha avuto una grande idea la Gelmini: la figura dell'insegnante deve completare quella dei genitori, deve essere un punto di riferimento per il bambino che così crescerà meglio. Lo stesso insegnante sarà più coinvolto e responsabile, quindi W la Gelmini.

    Report

    Rispondi

blog