Cerca

Silvio su Alitalia: ci penso io

Fantozzi: finito il carburante...

Silvio su Alitalia: ci penso io
La trattativa non è chiusa, e l'atteggiamento suicida dei sindacati è solo una questione politica. Silvio Berlusconi è appena rientrato a Roma dopo aver inaugurato la Fiera del Levante a Bari. "Non è vero - dice - che il governo chiude la trattativa. L'esecutivo è sempre disponibile con i suoi ministri, e oggi anche con il presidente del Consiglio, per dare tutto il supporto possibile per giungere all'unica soluzione possibile per evitare il fallimento della compagnia». «Non riesco a capire - ha aggiunto - cosa succede e perchè ci sia questo atteggiamento suicida: ci sono motivazioni politiche che non hanno nulla a che fare con le richieste dei lavoratori. Oggi incontro con il sottosegretario Letta per dare il contributo alla soluzione del problema».
Intanto il commissario straordinario, Fantozzi, ha detto che è finito il carburante, e non è una metafora: da lunedì 34 voli resteranno a terra e i lavoratori saranno messi in cassa integrazione.  «Da lunedì chiederò l'estensione del commissariamento per tutte le società del gruppo Alitalia», ha spiegato Fantozzi ai sindacati. E se la situazione non si risolve, la mobilità verrà chiesta per tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mi3148

    15 Settembre 2008 - 09:09

    Fanno le vittime ora: sindacati e lavoratori, ma quando scioperavano mentre l'azienda andava male e noi passeggeri sballottati tra hotel e aeroporto con perdita di giorni di ferie, di questo nessuno ricorda più nulla. Oggi che rischiano il posto di lavoro accusano questo governo, ma non hanno mai protestato per i loro AD che in passato hanno accumulato stipendi da nababbo con una amministrazioni da schifo. Recriminano che sarà tagliato loro lo stipendio dal 20 al 40%, ma se si vuol salvare un'azienda è meglio prendere un po' di meno tutti che perdere il posto di lavoro, o no?!!!!! Mi sa che siano troppo i fannulloni "infilati" dai partiti in una azienda colabrodo con l'avallo dei sindacati. Chi è causa del suo mal pianga se stesso e non pretenda con l'antiberlusconismo di far pagare agli altri quello che ha sperperato con scioperi, malattia e imboscamenti.

    Report

    Rispondi

  • giovanni.falbo

    14 Settembre 2008 - 21:09

    SILVIO! IL POPOLO ITALIANO SI E' "RIALZATO" DOPO LA GRANDE VITTORIA SUI PAPPONI, FANNULLONI E PREPOTENTI SINISTRORSI. ADESSO FACCI VEDERE QUESTA NUOVA ALITALIA. ELIMA TUTTA LA ZAVORRA CHE SI PORTA DIETRO.

    Report

    Rispondi

  • lombstudio

    14 Settembre 2008 - 21:09

    PER VINCERE BISOGNA DIVIDERE. ECCO, LASCIARE DA PARTE LA FERITA CHE SANGUINERA' SEMPRE. AVRANNO UN TRATTAMENTO A PARTE, MA NON TRASCINERANNO NELLA CATASTROFE TUTTI, COME SEMPRE HANNO FATTO. SE POI NON SI ACCORDERANNO, DOVREBBERO ESSERE SOSTITUITI. VI SONO TANTI PILOTI BRAVI, E LORO ANDRANNO DA ALTRE DITTE INTERNAZIONALI.

    Report

    Rispondi

  • louit

    13 Settembre 2008 - 20:08

    aa se ci fosse Reagan... avremmo già l' aeronautica militare in controllo di Alitalia... che sogno..!!! Putroppo qui stiamo ancora a spreacare tempo con la casta alitalia. Una linea aerea che nel 2008 parla ancora di ''CAPPELLIERE'' negli annunci a bordo. Roba da far ridere i polli. Fare fallire Alitalia Eliminare i papponi di Alitalia Eliminare i fannulloni di Alitalia Eliminare gli arroganti e prepotenti di Alitalia Eiminare ogni tipo di casta medioevale Forza Reagan... mi sa che i sogni sono sempre meglio della triste realtà TUTTI A CASA e RICOSTRUIRE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog