Cerca

Cai e governo ci riprovano

Berlusconi attacca Veltroni

Cai e governo ci riprovano

Cai  e governo, alla fine, ci stanno riprovando. Roberto Colaninno e Rocco Sabelli, rispettivamente presidente e amministratore delegato della Compagnia aerea italiana, sono stati accolti a Palazzo Chigi da Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Un’ora di colloquio per arriva a quelli che sono stati definiti “passi avanti”, come hanno fatto sapere alcune fonti governative. Però la tensione, almeno politicamente, rimane molto alta, dopo gli interventi di Guglielmo Epifani, segretario della Cgil, e la risposta di Berlusconi alla lettera di Veltroni. Una lunga giornata ancora lontana dal finire, conviene andare con ordine per riepilogare gli ultimi avvenimenti.
Maurizio Sacconi, il ministro del Welfare, dopo l’incontro di questa mattina era tornato ottimista: “Il buon senso si sta facendo strada in tutti”. Uno spiraglio, come si augurava ieri Gianfranco Fini, effettivamente pare poter saltar fuori. Dello stesso avviso era il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni: “Vedo che chi è in ritardo sta cercando di riallinearsi e spero sia così, perché le ore passano e ci si avvicina alla data non della trattativa, ma del fallimento”. Scettico il segretario della Uil, Luigi Angeletti: “Non si è mosso nulla di concreto, la realtà o molto più cruda di quella rappresentata”.
A questo punto sono però arrivate le dichiarazioni di Epifani. Un monito il suo: la Cgil non può essere esclusa. “La vertenza Alitalia sta diventando un dramma nazionale che esaurisce tutti gli altri problemi sindacali. Queste sono ore decisive ma c'è bisogno che si capisca che se si vuol fare qualcosa senza la Cgil non ci si riesce”, ha affermato ricordando che “non abbiamo espresso un no, ma un sì a determinate condizioni e siamo aperti ad alcune problematiche. Abbiamo posto il problema del partner internazionale e c'era un problema sui contratti. Se cambiano queste condizioni si vedrà”.
Proprio Silvio Berlusconi è tornato sul tema del partner straniero: prima di tutto, ha ribadito, è necessario chiudere con Cai, successivamente si potrà pensare al partner straniero di minoranza “che può essere Lufthansa così come Air France o British Airways”. Poi l’affondo contro Veltroni: “E' chiaro a tutti cosa è successo? C'era già un accordo che non si è risolto perché qualcuno ha scelto la politica di dare un colpo al governo senza preoccuparsi degli interessi e del bene del Paese”. “Da sempre insisto sul fatto che posizioni che vanno in senso contrario alla Cai sono irragionevoli o addirittura inesistenti”, ha concluso il premier.
In queste ore si è fatta sentire anche Lufthansa, la compagnia aerea tedesca, dopo le voci di contatti con il governo italiano. “Non rilasciamo dichiarazioni in merito a questo argomento. Non commentiamo gli ultimi sviluppi della situazione”, ha dichiarato Claudia Lange, portavoce dell’azienda, che non nasconde comunque l’interesse per le ultime vicende perché “per noi il mercato italiano è tra i più interessanti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxbysco

    25 Settembre 2008 - 12:12

    Qualcuno dica a Veltroni che l'estate è finita e che è ora di rimettersi i pantaloni più lunghi. Ditegli anche di lavarsi le dita e la faccia perchè non si può andare in giro sporchi di Nutella. Gli si dica infine che è ora di finirla di stare davanti allo specchio e che si tolga le mani da lì, non sta bene!!!

    Report

    Rispondi

  • limick

    25 Settembre 2008 - 12:12

    Magnifico il banner della Lufthansa.. peccato che in Italia ha sempre vinto il volemose bene a spartire latorta... degli altri. E anche stavolta............

    Report

    Rispondi

  • limick

    25 Settembre 2008 - 12:12

    Virtuani lascia perdere, sai quanta gente ogni giorno perde il posto di lavoro e ha il mutuo da pagare senza che nessuno fiati? Questi hanno gia' avuto anche troppa visibilita' e protezione, buona che non gli vengano chiesti i danni. Se qualcuno ha fatto un mutuo mica lo devo pagare io? Io pago il mio e se dovessi non avere i soldi per pagarlo, sicome non sono dell'alitalia tutti mi girerebbero le spalle. Questo invece e' giusto? Per me si. Vuol dire tutti a pari diritti e non pesare sulla societa'.

    Report

    Rispondi

  • Pascal50

    24 Settembre 2008 - 19:07

    Sono giorni che continuo a commentare contro questi signori "pilotini nervosetti dell'Alitalia". Resto del mio parere: Tutti a casa a giocare con gli aereoplanini hanno fatto già troppi danni insieme alla CGIL.L'occasione gli è stata data NON meritano altro che il licenziamento per fallimento.Come loro hanno voluto.Sono dei pagliacci!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog