Cerca

Giustizia, Berlusconi affonda:

la Gandus nemico politico

Giustizia, Berlusconi affonda:

“Un giudice non deve essere soltanto imparziale. Deve anche apparirlo. È curioso sostenere, come ha fatto la Corte d'appello, che Nicoletta Gandus, pur essendo un mio palese nemico politico, nel momento in cui arrivasse a scrivere una sentenza nei miei confronti saprebbe non venir meno al vincolo d'imparzialità impostole dalla Costituzione”: sono parole destinate ad accendere la polemica quelle che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha rilasciato Bruno Vespa per il nuovo libro del giornalista “Viaggio in un'Italia diversa”, in uscita venerdì 3 ottobre. “Mi sono trovato di fronte” ha continuato Berlusconi, riferendosi al processo Mills, “a un processo con due anomalie evidenti: le prove a mio discarico sono state intenzionalmente ignorate e il giudice che deve emettere la sentenza è un giudice politicamente impegnato, un mio avversario dichiarato”.
Di fronte a tutto ciò, “dobbiamo quindi ringraziare il Parlamento che, su proposta del ministro Alfano, ha approvato un provvedimento di legge comune ad altri Paesi europei che prevede il rinvio dei processi contro le quattro più alte cariche dello Stato sino alla fine del loro mandato, facendo salvi i termini della prescrizione”, ha affermato il premier in merito al lodo Alfano, che definisce “un provvedimento necessario in un sistema giudiziario come il nostro in cui operano alcuni magistrati che invece di limitarsi ad applicare la legge, attribuiscono a se stessi e al loro ruolo un preteso compito etico”.
Nel frattempo l'Associazione nazionale magistrati ha replicato alle parole pronunciate domenica dal presidente del Consiglio  che si è detto convinto che il provvedimento che ripristina l'immunità per le alte cariche dello Stato passerà il vaglio della Consulta, anche perché, altrimenti, “servirebbe una profonda riflessione sulla giustizia”. “La Corte costituzionale ha bisogno di serenità per decidere sul lodo Alfano. Bisogna garantire serenità di giudizio a tutti gli organi giudicanti. Questo è fondamentale per l'esercizio delle funzioni giurisdizionali”, ha replicato il presidente dell’Anm, Luca Palamara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alberto.b

    06 Ottobre 2008 - 14:02

    quante ore di lavoro sono servite fino ad oggi per cercare qualsiasi cosa atta a screditare berlusconi e indagini e processi e in tutti questi anni il nulla, denaro pubblico per il nulla, il lodo alfano esiste adesso e non 15 anni fa!

    Report

    Rispondi

  • alberto.b

    06 Ottobre 2008 - 14:02

    Ma se i giudici non sono schierati politicamente e se tutti sono convinti che berlusconi sia colpevole per forza di qualcosa, perchè no si cambia giudice? Bisogna rifare il processo? beh tanto e da 15 anni che stanno cercando di inchiodare berlusconi, e chissa per quanto andranno ancora avanti... a spesa del solito PANTALONE! Facciamo un po' di somme e vediamo quanto è costato alla collettività l'accanimento giudiziario nei confronti di berlusconi e fininvest, rapportiamolo a eventuali benefici nel caso in cui Berlusconi risulti colpevole e venga tolto dalla scena! Ma perchè questi antiberlusconisti non si fanno i conti in tasca? Ma chi se ne frega di berlusconi? e poi perchè non vi accanite allo stesso modo per altri reati o altri che hanno commesso quei reati o di ben peggiori! Perchè non vi scandalizzate di quei giudici che hanno dovuto rilasciare degli assassini per errori procedurali e poi una volta usciti hanno commesso altri reati, perchè?

    Report

    Rispondi

  • alberto.b

    06 Ottobre 2008 - 14:02

    Ma se i giudici non sono schierati politicamente e se tutti sono convinti che berlusconi sia colpevole per forza di qualcosa, perchè no si cambia giudice? Bisogna rifare il processo? beh tanto e da 15 anni che stanno cercando di inchiodare berlusconi, e chissa per quanto andranno ancora avanti... a spesa del solito PANTALONE! Facciamo un po' di somme e vediamo quanto è costato alla collettività l'accanimento giudiziario nei confronti di berlusconi e fininvest, rapportiamolo a eventuali benefici nel caso in cui Berlusconi risulti colpevole e venga tolto dalla scena! Ma perchè questi antiberlusconisti non si fanno i conti in tasca? Ma chi se ne frega di berlusconi? e poi perchè non vi accanite allo stesso modo per altri reati o altri che hanno commesso quei reati o di ben peggiori! Perchè non vi scandalizzate di quei giudici che hanno dovuto rilasciare degli assassini per errori procedurali e poi una volta usciti hanno commesso altri reati, perchè?

    Report

    Rispondi

  • curatola

    01 Ottobre 2008 - 11:11

    L'aggressività di certi magistrati é di natura squisitamente politica. Difficilmente perseguirebbero Silvio se non fosse nella posizione di potere politico. A loro interessa poter abbattere un governo o modificare una legge tramite una sentenza,anzi tramite un'intercettazione che screditi o un'avviso di garanzia che induca un sospetto .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog