Cerca

Violante sta con il Pdl:

il federalismo va sostenuto

Violante sta con il Pdl:

Un’apertura “interessante” al disegno di legge sul federalismo fiscale approvato questa mattina dal Consiglio dei ministri. Arriva dall’opposizione e più precisamente da Luciano Violante, ex presidente della Camera nonché punta di riferimento del Pd quando si parla di riforme. “Bisogna prima studiare bene il testo, ma il fatto che ci sia un consenso abbastanza vasto nelle Regioni e negli enti locale fa pensare che in linea di massima possa funzionare”, ha confermato Violante. Potrebbe anche una mossa strategica per flirtare con la Lega Nord, ma di certo si tratta di una posizione che contrasta nettamente con il botta e risposta tra Berlusconi e Veltroni degli ultimi giorni.
Violante continua augurandosi “che ci sia una convergenza in Parlamento e credo che sia nell’interesse di tutti che questo testo venga approvato da una larghissima maggioranza”. Qualche critica non manca: “Bisogna però correlare il federalismo fiscale a quello istituzionale. Questo è il punto debole dell’impianto complessivo”. Poi un augurio: “Spero che si vada rapidamente alla riforma costituzionale, soprattutto al Senato, che si faccia della Camera alta l’organo dei rapporti Stato – Regioni perché nell’impianto della legge manca un soggetto parlamentare che governi questi processi”.
Luciano Violante ha colto l’occasione del federalismo fiscale per affrontare anche il tema del premier più forte, tema che ieri aveva acceso qualche miccia tra il Cavaliere e Gianfranco Fini. Tornando alla riforma istituzionale presentata ai tempi dal centrosinistra, “prevedevamo la possibilità per il presidente del Consiglio di chiedere anche la revoca dei ministri oltre alla nomina al capo dello Stato e la fiducia solo al premier e non all’intero governo”. Violante spera che “le velocità della politica” si adegui “alla velocità della vita, senza sopprimere però la democrazia”. Quindi: tempi più veloci in Parlamento, ma non abuso dei decreti leggi, pare di capire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolage

    04 Ottobre 2008 - 16:04

    sarà anche un buon segno, due personaggi dal comune passato che approvano qualcosa deciso dal centro-destra, ma non illudiamoci troppo. Prevedo una battaglia forte e tempi lunghi. E di Napolitano che da Presidente ha dimostrato saggezza e imparzialità mi fido di più.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    03 Ottobre 2008 - 18:06

    Violante,è uno dei pochi della sinistra che ha capito che dire sempre NO a tutto non vuol dire fare opposizione,(seria,dice dipietro)ma bisogna anche avere il coraggio di riconoscere ciò che è utile e necessario per il paese,contribuendo costruttivamente a modernizzare l'Italia, ancora ottocentesca.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    03 Ottobre 2008 - 18:06

    Se una spinta al federalismo è venuta anche dall'ex comunista Napolitano, l'ex comunista Violante dovrebbe aver capito le stesse cose..

    Report

    Rispondi

blog