Cerca

Lodo Alfano, da Milano

arriva lo stop dei giudici

Lodo Alfano, da Milano

I giudici della decima sezione del tribunale di Milano hanno deciso di trasmettere gli atti del processo Berlusconi-Mills alla Consulta perché valuti la legittimità costituzionale del Lodo Alfano. Il processo andrà avanti per il legale inglese mentre è sospeso solo per Silvio Berlusconi.
Sul dossier che rigurada la posizione del premier all'interno del processo deciderà dunque la Corte Costituzionale. L'hanno deciso i giudici della decima sezione penale del tribunale di Milano, che hanno contestualmente stabilito che il processo per David Mills andrà avanti. I giudici hanno così accolto l'eccezione di costituzionalità sollevata dal pm Fabio De Pasquale e hanno deciso di inviare gli atti alla Consulta perché decida sul contrasto del Lodo Alfano con gli articoli 3, 68, 96, 112 e 138 della Costituzione.
Duro il commento dei legali del premier sulla decisione dei i giudici della decima sezione penale del tribunale di Milano. In particolare Niccolò Ghedini, ha criticato aspramente la scelta del tribunale meneghino: “E’ andata esattamente come previsto. Milano non applica le norme approvate dal Parlamento che consente al presidente del Consiglio di curare gli interessi del Paese. Loro lo vogliono al processo e non interessano loro né i rifiuti di Napoli né Alitalia”. Per Ghedini, la decisione dei giudici crea un “problema processuale straordinario e irrisolvibile”. Nella prossima udienza, infatti, prevista il 10 ottobre, dovrà essere sentita una consulente della difesa Berlusconi. “Mi chiedo come potranno sentire un nostro consulente senza di noi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alberto.b

    07 Ottobre 2008 - 12:12

    e poi volevo anche chiederti una cosa se tu avessi una contestazione giudiziaria, una qualsiasi e il tribunale che si deve esprimere in merito è apertamente contro di te, pubblicamente dichiarato che tu sei un delinquente e nemico del popolo, tu riterresti che un eventuale giudizio su di te possa essere equo? riterresti veramente che quel giudice esprimendosi contro di te abbia veramente applicato il principio per cui "la legge è uguale per tutti"? se in quel tribunale ci fosse un altro PM un altro giudice, sarebbe la stessa cosa? o meglio se sul banco degli imputati ci fosse un nome diverso da quello di Berlusconi, quei giudici sarebbero altrettanto incisivi(per non usare termini cattivi)? Se berlusconi non fosse presidente del consiglio ci sarebbe questo accanimento? guarda i fatti tutti i problemi giudiziari di berlusconi tornano a galla, alla ribalta ogni qualvolta si è in campagna elettorale o quando è al governo! Io credo che qualsiasi essere umano si sarebbe rotto i maroni a subire tutti questi attacchi spudoratamente politici!

    Report

    Rispondi

  • Shift

    06 Ottobre 2008 - 14:02

    Questi giudici e la loro protervia hanno stancato tutta l'Italia, ormai solo gli imbecilli possono credere alla loro buona fede. E' piu' che urgente una profonda modifica di tutto il sistema giudiziario, a partire dal Consiglio Superiore della Magistratura, alla Cassazione e perfino alla Consulta, che non rispecchia minimamente la rappresentanza del volere degli italiani. Non se ne puo' piu' con i cavilli e le eccezioni, le leggi devono essere applicate in toto e se qualcosa deve essere decisa di diverso lo deve decidere non il giudice, ma un eventuale giuria popolare tirata a sorte, piu' o meno come nel modello americano. Il Governo e il Parlamento si sbrighino a modificare tutto questo amba aradam che serve solo a mettere il bastone nelle ruote a Governo e Parlamento e crea enormi ingiustizie e giustizia negata per i tempi impossibili con cui viene gestita.

    Report

    Rispondi

  • alberto.b

    06 Ottobre 2008 - 11:11

    ti ringrazio vivamente di avermi aperto gli occhi, dopo tutto questo tempo di sonnolenza ora ho capito, la giustizia giungerà quando il berlusca sarà dietro le sbarre!!! Chi se ne frega di pluriomicidi rilasciati perchè non c'è stato il tempo di tradurre quelle intercettazioni (che probabilmente erano in lingua cinese, magari anche un dialetto),bisogna occuparsi prima delle raccomandazioni di delinquente che raccomanda una velina...! chi se ne frega di vicini di casa che nascondono un arsenale (tra armi e bombe) e che vengono rilasciati perchè non si tratta di terrorismo ma di "resistenza", chi se ne frega dei processi civili che durano più di una vita, chi se ne frega di tutto il resto, hai visto bene tu! E' giusto continuare a perseguire il nemico pubblico numero 1, finchè non pagherà per tutte le sue malefatte! Mi spiace un po' per tutti quei ciechi e sordi di italiani che lo hanno votato. P.S. una domanda: ma le prove della colpevolezza di berlusconi e le sue malefatte ci sono vero? mi piacerebbe conoscerle perchè sai io mi lascio convincere ma mi piacerebbe tanto avere un riscontro.

    Report

    Rispondi

  • logiko

    05 Ottobre 2008 - 20:08

    La cosa che mi sorprende sempre quando ascolto i discorsi dei pro-Berlusca è la capacità di fare i ripetitori di quello che sentono in tv."Toghe rosse","giustizia ad orologeria","gli italiani lo hanno votato per questo" e bischerate così.Invece di chiedere una giustizia più giusta e funzionle per tutti(quindi per loro stessi) accettano come una massa di pecore indottrinate che a stare sopra la legge, a fregarsene,a cambiarla,storpiarla solo per proprio interesse sia il loro nuovo Reuccio che sfrutta la loro buona fede per i suoi scopi:evitare i processi,restare impunito.L'avete vista la tracotanza dell'Avvocato-Onerevole che lo difende?sa benissimo che qualsiasi cosa accada il suo Reuccio se ne fregherà perchè potrà farlo e i "sudditi"pronti a piangere calde lacrime per lui...ma non vi accorgete che vi sta fregando?ci è riuscito in passato,ci sta riuscendo adesso e lo farà in futuro.Spengete i ripetitori,è per il vostro bene e quello di tutti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog