Cerca

Maestro unico e voti in decimi

La Camera dice sì alla Gelmini

Maestro unico e voti in decimi
Passa il decreto Gelmini sulla scuola. L'Aula della Camera ha votato a favore del decreto che introduce tra l'altro il maestro unico alle elementari e il voto in forma numerica al posto del giudizio. La maggioranza ha votato compatta a favore del provvedimento. I voti a favore sono stati 321, i no 255. Due gli astenuti. Il provvedimento presentato dal ministro dell'Istruzione a fine agosto, tra le principali novità, oltre all'abolizione del team di docenti nella scuola primaria, introduce la valutazione della condotta ai fini del giudizio finale sullo studente, il ritorno dei voti, la sperimentazione dell'insegnamento di educazione civica ("Cittadinanza e Costituzione"), la disposizione che i testi scolastici "durino" almeno cinque anni.

Prima novità: il maestro unico alle elementari. Dal prossimo anno scolastico, gradualmente (si comincia con le prime classi), ci sarà un solo docente, affiancato dagli insegnanti di religione e di inglese. E per le ore di insegnamento aggiuntive rispetto all'orario d'obbligo di insegnamento è previsto che si possa attingere, per l'anno 2009, dai bilanci dei singoli istituti scolastici.

Seconda novità: eliminata la bocciatura alle elementari per una sola insufficienza. Nella scuola primaria i docenti, con decisione assunta all'unanimità, possono non ammettere l'alunno alla classe successiva solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione. Scompaiono i giudizi (sufficiente, discreto, distino...)  e torna il voto in decimali. Si introduce l'impegno a tener conto, nella valutazione del rendimento scolastico, dei disturbi specifici di apprendimento e delle disabilità degli alunni.

"Più che una riforma, la mia credo sia una manutenzione della scuola, che rimetta al centro la sfida educativa in collaborazione stretta con la famiglia": così Mariastella Gelmini ha definito il suo progetto al centro del decreto legge su cui il governo ha posto la fiducia. "La scuola a cui penso", ha detto il ministro, "e a cui pensa anche il presidente Berlusconi, recupera dal passato alcuni principi attualissimi ma guarda al futuro, ammodernando e colmando alcuni gap come ad esempio quello delle lingue straniere". La Gelmini ha sottolineato anche lo "sforzo in atto da parte del governo per riqualificare la spesa" che, nel settore della scuola, si traduce in "un riposizionamento delle risorse, grazie anche al ministro Brunetta, sull'innovazione tecnologica, per la quale sono stati stanziati 43 milioni in tre anni per dare più servizi alle famiglie, dalle pagelle on line alla prenotazione telematica dei colloqui con i docenti alla formazione on line degli insegnanti".
"Vogliamo una scuola dell'efficienza, del rigore e della serietà", sostiene la leghista Paola Goisis, secondo cui "chi si scandalizza per il decreto con la fiducia non ha idea della situazione della scuola italiana, i cui problemi vanno risolti". Sulla stessa linea anche Fabio Garagnani (Pdl), secondo cui »non è questione di grembiule e di voto in condotta ma di lavorare alla qualità della scuola italiana". Insomma, per l'esponente di maggioranza "il decreto legge non è una restaurazione ma lo strumento per il recupero di valori fondanti della comunità nazionale. Valori che la scuola deve tutelare anche se fino ad ora non lo ha fatto". Dunque, un decreto "per mettere in sintonia la scuola con un Paese che vuole cambiare e voltar pagina, prescindendo dalle barriere ideologiche".

Ma i rossi non ci stanno. E scatta immediatamente la polemica. "La riforma della scuola che il governo impone con il voto di fiducia si scrive Gelmini ma si legge Tremonti, unico ministro che decide per tutti gli altri ministri bidelli", tuona Silvana Mura dell'Idv rilevando che nel testo "ci sono solo tagli", mentre "della Gelmini sono i provvedimenti: a lei l'Idv assegna il 4 in condotta per una riforma che rottama la scuola e con essa il diritto all'istruzione. Sulla fiducia vota no pure l'Udc". Sono d'accordo sul fatto che la reintroduzione del voto in condotta o del grembiulino non migliorerà la situazione drammatica in cui versa la scuola, ma rimane il fatto che il titolare dell'Istruzione, contrariamente alle sue promesse ne sta cambiando il volto senza avviare prima un dibattito ampio e senza il consenso dei protagonisti del comparto", sostiene Luisa Capitanio Santolini, ribadendo che "nessuna urgenza giustifica un decreto sulla scuola blindato dalla fiducia". E Maria Coscia del Pd ribadisce che "il vero autore del decreto è Tremonti, secondo cui la scuola italiana, sebbene buona, è troppo costosa"; che "dall'opposizione non c'è stato nessun comportamento ostruzionistico ma solo la voglia di confrontarsi sul merito"; e che il "pasticcio contenuto nel decreto impedisce di costruire un futuro per il Paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • logiko

    08 Ottobre 2008 - 16:04

    Certo si può credere di tutto:si può credere che la scuola sia sempre stata in mano ai sessantottini(come tutti i ministri Dc da '68 ad oggi o Berlinguer o la Moratti,ad es.)si può credere che meno specilizzazione sia uguale a un miglioramento,si può credere che il tempo pieno lo farà una badante magari,perchè la maestra unica dopo cinque ore se ne tornerà giustamnete a casa;si può credere che basta indossare un grembiule(ma nn lo facevano anch prima?)i bulli scompariranno e tutti saranno disciplinati;si può credere a tutto; alla Gelmini;al fatto che un solo libro x 5 anni risolva le cose(ma nn pensate che magari sarà un libro più scadente,mai rinnovato tanto se x 5 anni nn si tocca quale editore ci investirà sopra?e l'inflazione nn lo farà aumentre lo stesso?);si può credere alla tv e si può credere che le riforme si facciano x decreto legge e la fiducia e che importi solo vincere o perdere sulla pelle della scuola,dei figli,del futuro,dello Stato;si può credere a tutto,in molti lo fanno,forse sono contenti così...

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    08 Ottobre 2008 - 15:03

    GRAnde Gelmini in un solo colpo siamo tornati indietro di 40anni e l'unica scuola che funzionava in italia (le elementari..al top nelle classifiche mondiali) verra' distrutta...

    Report

    Rispondi

  • fabluini

    08 Ottobre 2008 - 14:02

    Chiedo a paolage e giornali: cosa sapete della scuola primaria? Intendo, di quella di oggi? Avete figli che la frequentano o l'hanno frequentata recentemente? Lo chiedo non perché vi voglia criticare, ma perché ho l'impressione che si parli non dela scuola di oggi, ma di quella che abbiamo frequentato (io ho 47 anni), che é doversa da quella di oggi.

    Report

    Rispondi

  • paolage

    08 Ottobre 2008 - 13:01

    Benissimo: un successo per la Gelmini e la sua scuola che ci riporta a quando studiavamo noi, tanti anni fa e si imparava davvero. Era ora che si pensasse a un ritorno al sistema scuola, annullato da ridicole riforme volute da docenti sessantottini che lo hanno portato ai risultati attuali: siamo fra i più ignoranti rispetto agli altri paesi! Grazie dunque al Ministro Gelmini che con questo ritorno a un passato migliore ci porterà ad avere futuri cittadini preparati e meglio educati al vivere civile. Avanti così senza esitazioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog