Cerca

La Lega: per i reati gravi

basta arresti domiciliari

La Lega: per i reati gravi
A poche settimane dalla strage di Castelvolturno, la Lega ha messo a punto due proposte di legge sulla custodia cautelare e sulle misure alternative alla detenzione. In sostanza, il Carroccio vuole garantire la certezza della pena e limitare la discrezionalità della magistratura. Mettiamo che Tizio sia stato condannato, con sentenza passata in giudicato, per reati gravi come l’associazione a delinquere di stampo mafioso, l’omicidio, la riduzione in schiavitù e la tratta delle persone, il sequestro di persona a scopo di estorsione, lo sfruttamento della prostituzione minorile, la pornografia minorile, la violenza sessuale aggravata e la rapina a mano armata. Ecco, se si sospetta che Tizio ci sia ricascato non può finire ai domiciliari. Per lui si deve spalancare il cancello del carcere. È ovvio: il giudice deve ritenere sussitano esigenze di custodia cautelare. In altre parole, ci devono essere pesanti indizi a carico dell’indagato. In questo caso, però, secondo gli uomini di Bossi è necessario il massimo rigore.
Chissà come la prenderanno gli alleati, che negli ultimi giorni (in Senato) hanno accusato qualche mal di pancia per gli emendamenti padani sulla sicurezza....

Matteo Pandini su Libero di venerdì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stef1953

    13 Ottobre 2008 - 15:03

    mi sembra strano che si stia ancora a discutere su una cosa così ovvia e che dovrebbe essere LA NORMA! Il delirio di onnipotenza dei giudici deve essere stoppato: occorrono norme chiare, severe da applicare senza ricorso al libero arbitrio del giudice.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    13 Ottobre 2008 - 15:03

    Mi sembrano ovvie considerazioni quelle della lega, e sarebbero ancora più ovvie se integrate dal concetto opposto: basta carcere per chi può essere punito con sanzioni amministrative che costano di meno, educano di più e dividono i violenti del carcere dai semplici scemi.

    Report

    Rispondi

blog