Cerca

Il rettore di Trento ai colleghi

"Avete sperperato, pagate voi"

Il rettore di Trento ai colleghi

«Se ci sono atenei che non sono in grado di pagare lo stipendio il mese prossimo, questo non ha nulla a che fare con i ministri Gelmini e Tremonti, ma col fatto che per quindici anni alcuni rettori hanno sperperato, pensando che qualcuno poi tappasse i buchi». E' la posizione controcorrente, in questi giorni di proteste generali e generalistiche, del rettore dell'Università di Trento, Davide Bassi. Il rettore ieri ha prodotto, insieme con i colleghi dell'Associazione per la Qualità delle università italiane statali (Aquis), un documento da presentare al Governo: si chiedono interventi mirati e non tagli "a pioggia". «Noi non abbiamo sperperato- ha proseguito il rettore - e per non farlo abbiamo dovuto dire molti no, anche di fronte a richieste che hanno una loro logica, ma che non sono sostenibili: allora non si può trattare tutti allo stesso modo. Si deve andare, pro futuro, a patti personalizzati ateneo per ateneo. I sacrifici li facciano coloro che hanno sperperato le risorse e non quelli che fino adesso si sono dati da fare per utilizzarle al meglio».  
Il rettore non crede alla soluzione delle manifestazioni: «Noi», dice a Libero-news, «siamo servitori dello Stato, abbiamo un ruolo istituzionale, bloccare le lezioni è uno spreco di risorse e un danno inutile per gli studenti. La situazione è complicata, ma manifestare non ha senso. Ho ricevuto un centinaio di studenti che è venuto nel mio ufficio, nei giorni scorsi. Ho cercato di spiegare ai ragazzi che il maestro unico, per esempio, non dovrebbe più essere una loro preoccupazione: non abbiamo nemmeno la facoltà di scienze dell'educazione... Stanno protestando per tutto, per la riforma delle elementari, per quella dell'Università che nessuno ancora ha visto, per i tagli, per la privatizzazione dell'Università che è chiaramente un non problema, visto che nessuno in Italia ha le forze per acquistare gli atenei, né esiste in altri luoghi del mondo una università totalmente privata.
E' chiaro che una protesta così a "polpettone" ha solo una matrice ideologica, e non può portare certo a soluzioni. Gli s
perperi ci sono stati, in questi ultimi decenni, e le difficoltà delle università italiane, come ho già detto, non vengono certo dai tagli di Tremonti. La crisi viene da lontano, ed è dovuta al fatto che molti rettori hanno usato l'autonomia dell'università senza correlarla al senso di responsabilità: hanno detto di sì a tutti, pagando tutti e accumulando così debiti consistenti. Ora, con la crisi economica in atto, si trovano in effettiva difficoltà con i mutui e i finanziamenti. Alcuni di loro scatenano gli studenti, così liberano della colpa. Noi, che abbiamo sempre fatto quadrare i conti, ora non vogliamo pagare per loro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • steopit

    27 Ottobre 2008 - 12:12

    Come si fa a non essere d'accordo con il Rettore di Trento? Peccato che la mannaia tremontiana cada su tutti indistintamente.. E poi c'è anche chi ha il coraggio di parlare di criminali intellettuali! (tra l'altro scritto erroneamente..)Lo so io cosa ti affligge, il doverti portare dietro un cervello che non userai mai!!!

    Report

    Rispondi

  • anbuc

    26 Ottobre 2008 - 19:07

    Un applauso al Rettore di Trento da tutti gli italiani che non hanno venduto il cervello all'ammasso. Al governo un invito: premiare i meritevoli e mandare a casa gli irresponsabili anbu

    Report

    Rispondi

  • ferry52

    26 Ottobre 2008 - 19:07

    licenziamo i rettori incompetenti e premiamo subito questi rari esempi di professionalità

    Report

    Rispondi

  • rinodallarosa

    26 Ottobre 2008 - 12:12

    Ho la prova che si intrallazza anche in questa università, am con questo non posso dire che tutti i docenti sono sperperoni, c'è molta brava gente, ma che parlano sono solo quelli messi la dal partito a distruggere tutto. E' parola di un imprenditore Rino

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog