Cerca

Le firme per la Gelmini

Sul nostro blog qui a destra

Le firme per la Gelmini
I giovani e gli italiani silenzosi da oggi avranno una voce. E' partita infatti la raccolta firme per l'Università lanciata da Libero e dai Giovani per la Libertà. La raccolta proseguirà nelle prossime settimane, anche negli atenei e nelle città di tutta Italia. "Liberi di manifestare, liberi di studiare, liberi di contribuire a costruire un'università migliore", questo è lo slogan che fa da sfondo all'iniziativa. Per lasciare le vostre firme, cliccate sul blog qui a fianco, sotto i video, "per una scuola migliore". Lasciate la vostra opinione e il vostro nome e cognome cliccando il tasto "commenti". Il passaggio on line delle vostre opinioni non è immediato: i commenti e le firme vengono letti e moderati dalla redazione, per cui se non li vedete apparire immediatamente, non preoccupatevi.

Se non siete registrati, basta farlo cliccando il tasto in alto a destra: servono solo nome, cognome e mail, gli altri campi NON sono obbigatori. Una volta ottenuti login e password, potrete lasciare la vostra firma sul blog della scuola e commentare tutti gli altri articoli che trovate sul nostro sito. Grazie a tutti per la collaborazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stucchevole

    05 Novembre 2008 - 17:05

    EVVIVA EVVIVA

    Report

    Rispondi

  • stravittorio

    04 Novembre 2008 - 12:12

    Concordo totalmente con Oscar Giannino nel suo articolo del 04/10/2008 (scuola da rifare). Arretrare sarebbe solo debolezza e questo trascende il solo ambito della scuola. Fate finalmente "quelli di destra" e andate fino in fondo. Si devono piegare gli altri!Non la maggioranza. Enrico

    Report

    Rispondi

  • forzadoria

    03 Novembre 2008 - 21:09

    Qualcuno mi sa spiegare dove sta scritto, nel decreto Gelmini, che d'ora in poi la scuola sarà più seria, più efficiente, ecc. ecc? Io ci ho trovato solo dei tagli, che si abbatteranno sui nostri ragazzi. Al di là di luoghi comuni un po' ridicoli e un po' patetici, come quello di chi scrive che la scuola "da più di 60 anni è in mano ai catto-comunisti", non riesco a leggere una motivazione sensata per dire sì a questa decretinata.

    Report

    Rispondi

  • monica_marangonifastwebnet.it

    03 Novembre 2008 - 12:12

    Finalmente è giunto il momento di pretendere docenti formati, motivati ed aggiungerei anche educati e rispettosi. L'"integrazione" non riguarda solo lo straniero! Voi dovete essere l'obiettivo prioritario di ogni insegnante che voglia lasciare un "segno" nella storia di ogni uomo. una docente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog