Cerca

Alitalia come Cenerentola

"A mezzanotte non ci sarà più"

Alitalia come Cenerentola
È ormai vicina al baratro, Alitalia. Parola del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta secondo il quale ormai "non ci sono più margini per trattare e l'alternativa è il fallimento". Nel corso dell'incontro Governo-Cai-sindacati-commissario straordinario di Alitalia, Augusto Fantozzi a Palazzo Chigi, Letta ha anche sottolineato che a mezzanotte Alitalia finirà come Cenerentola: "Non c'è più Alitalia senza l'accettazione dell'offerta Cai, perchè il 31 ottobre è il termine ultimo». È questo dunque l'ultimatum lanciato da Letta, dopo la rottura delle trattative di giovedì.
"Senza una firma sui contratti al tavolo a Palazzo Chigi la Cai è fuori da Alitalia", ha ribadito il presidente della Cai, Roberto Colaninno, durante l’incontro a Palazzo Chigi: "Il contratto non è un modello definitivo e potrà essere migliorato in futuro. Ma oggi le condizioni sono queste. Non abbiamo ulteriori margini, occorre un rapporto fiduciario e armonia fra azienda e sindacati". "Senza un contratto di lavoro firmato in tutti i suoi termini non posso andare dal giudice". È quanto avrebbe affermato Fantozzi, che avrebbe anche confermato la necessità di arrivare ad una intesa sui contratti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curatola

    03 Novembre 2008 - 12:12

    Trovo singolare che un lavoratore iscritto al sindacato possa trattare poi su base personale:chi glielo permette disconosce il sindacato e supporta compostamenti scorretti. Solo i non iscritti che lo desiderano possono trattare su base personale altrimenti siamo alla solita burletta italiana.

    Report

    Rispondi

  • pascal4U

    31 Ottobre 2008 - 22:10

    Pubblico della rete sappiate che abbiamo di fronte una casta dell'aria..scusate del vuoto d'aria, si però, nella testolina dei piloti e delle loro ragazze che stanno intorno a loro: le loro colleghe. Mah, dico io, è possibile che siano così ottusi, non sappiano uscire dalla melma ideologica nella quale si sono cacciati. Che siano tutti vuoti a perdere. Domani mattina, si troveranno a piedi si però a terra, non a calpestare il pavimento della fusoliera. Ma che vadano a lavorare all'estero, così impareranno una buona volta cosa vuol dire stare alle regole.

    Report

    Rispondi

  • gianfrancolevati

    31 Ottobre 2008 - 19:07

    vediamo se siamo coerenti e salviamo il calcio un'altra volta... dubbio lecito, penso.

    Report

    Rispondi

  • olga.antonelli

    31 Ottobre 2008 - 17:05

    Affidiamo pure la gestione delle nostre aziende ai sindacati: prima o poi queste stesse aziende verranno disintegrate. E costoro continuano a mettere becco ovunque: quando li si metterà in condizioni di non nuocere, soprattutto alla nostra Italia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog