Cerca

Obama e il 'Silvio-pensiero'

"È bello giovane e abbronzato"

Obama e il 'Silvio-pensiero'
 Piace, Barack Obama, al presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Che non smette di lodarlo e di parlare di lui. Lo ha fatto anche durante il colloquio con presidente della federazione russa, Dimitri Medvedev, al Cremlino. L'incontro tra Italia e Russia non si è dunque limitato a questioni di "politica internazionale", ma ha dato spazio anche a 'commenti' sul nuovo presidente degli Stati Uniti.
Barack Obama è "giovane bello e anche abbronzato ed ha quindi tutte le qualità per avere ottimi rapporti con la Russia", dice Berlusconi, che ha deciso di vestire anche gli abiti del mediatore politico: "Cercherò di mettere in campo tutta la mia esperienza e la mia capacità affinchè i rapporti tra gli Stati Uniti e la Russia possano svilupparsi al meglio. Il fatto che i leader di questi due paesi sono della nuova generazione è sicuramente un buon punto di partenza", ha sottolineato il Cavaliere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo_s

    08 Novembre 2008 - 12:12

    Berlusconi ha fatto la sua battuta. Può piacere, oppure no. A me è piaciuta. A tal proposito ho letto decine e decine di commenti di italiani "pentiti" di essere italiani su NYT. E giù contro il nostro Presidente. Ma cosa penseranno mai gli americani stessi di noi italiani. Grazie.

    Report

    Rispondi

  • hhhbk85

    07 Novembre 2008 - 18:06

    Sono andato sul sito del New York Times...ma sapete quanti commenti di americani veri ci saranno?...neanche il 5% I commenti sono tutti fatti da ITALIANI E data la stupidità del loro contenuto è ovvio che gli autori siano di sinistra. Gli americani hanno capito che era una simpatica battuta...gli italiani ops volevo dire gli antiberlusconiani non l hanno capito. Strano? NO, sono di sinistra ovvio che non capiscono.

    Report

    Rispondi

  • artista

    07 Novembre 2008 - 18:06

    Il presidente eletto degli Stati Uniti, Barack Obama, ha telefonato a nove leader mondiali che lo avevano chiamato per congratularsi per il risultato del voto del 4 novembre. Obama, secondo fonti della transizione, ha chiamato per ringraziarli il presidente francese Nicolas Sarkozy, il messicano Felipe Calderon, il sudcoreano Lee Myung-bak e i premier australiano Kevin Rudd, canadese Harper, israeliano Ehud Olmert, giapponese Taro Aso, britannico Gordon Brown e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Chiama tutti e non il nostro nano "testa d'asfalto"???? Strano... vedrete che lo farà...

    Report

    Rispondi

  • hhhbk85

    07 Novembre 2008 - 18:06

    Sono andato sul sito del New York Times...ma sapete quanti commenti di americani veri ci saranno?...neanche il 5% I commenti sono tutti fatti da ITALIANI E data la stupidità del loro contenuto è ovvio che gli autori siano di sinistra. Gli americani hanno capito che era una simpatica battuta...gli italiani ops volevo dire gli antiberlusconiani non l hanno capito. Strano? NO, sono di sinistra ovvio che non capiscono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog