Cerca

La destra in Cigl: squadristi

La sinistra in Centrale: sconti

La destra in Cigl: squadristi
Mezzogiorno, Roma. «Occupata in questo momento la sede di via L. Serra della Cgil scuola, sindacato simbolo dello strapotere dei professori, vero cancro della scuola italiana, da un gruppo di ragazzi di Azione Studentesca». I ragazzi srotolano uno strisicone, recitano due slogan e vanno via. Ed ecco che la dimostrazione di destra, uguale ad altre migliaia di sinistra, diventa "un'azione fascista di squadrismo. Ma il movimento degli studenti non ci sta: «Rispediamo al mittente l'accusa di squadrismo: siamo studenti, non siamo fascisti, se non altro per questioni anagrafiche. La nostra occupazione è stata goliardica e pacifica».
Pomeriggio, Milano. Stazione centrale. Un gruppo di studenti vuole biglietti del treno a prezzo politico, per poter ragginugere roma domani. Quindici euro. Non se ne parla: scontri e tafferugli. Un responsabile di Trenitalia ha spiegato che la società è pronta a mettere a disposizione treni speciali «in qualsiasi momento, dopo le 18. Vi potranno salire - ha spiegato - solo i possessori dei biglietti da 44 euro, ultima offerta ufficiale fatta da Trenitalia agli studenti». I biglietti potranno essere fatti anche all'ultimo momento prima di salire sui vagoni eventualmente messi a disposizione.
E domani saranno tre i cortei che attraverseranno Roma nel giorno dello sciopero generale di scuola e università. Secondo una prima stima saranno circa 100 mila gli studenti che sfileranno per le strade della Capitale. Massiccia, quindi, la presenza delle forze dell'ordine ma che, come avvenuto già per le precedenti manifestazioni, sarà discreta e «non invasiva».
La Questura vuole ridurre al minimo le occasioni di «contatti» tra gli agenti e gli studenti. Si vuole evitare il ripetersi di quanto avvenuto nel corso della manifestazione del 7 novembre scorso quando gli agenti caricarono alcuni studenti che avevano tentato di raggiungere i binari della stazione Ostiense per una occupazione simbolica dei binari. Domani polizia e carabinieri garantiranno una presenza capillare sul territorio. Un controllo «a distanza» delle manifestazioni anche grazie al supporto di un elicottero che monitorerà dall'alto l'andamento dei cortei a cui parteciperanno centinaia di studenti provenienti da tutta Italia. Fin dal mattino presto mezzi delle forze dell'ordine saranno presenti nella zona di piazza della Repubblica da dove partirà il corteo degli studenti medi. Alla stazione Termini sono previsti gli arrivi di molti treni speciali e di oltre quaranta autobus privati, anche nella zona attorno alla stazione saranno dislocati alcuni mezzi delle forze dell'ordine.
Circa 4 mila studenti di altri atenei, invece, sono arrivati già oggi a Roma: in molti trascorreranno la notte in sacco a pelo nelle facoltà occupate della Sapienza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuciaRosi

    17 Novembre 2008 - 11:11

    LO strapotere dei sindacati ha rovinato il mondo del lavoro!

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    14 Novembre 2008 - 18:06

    i marxisti hanno da sempre fatto buon uso degli (da essi stessi definiti) "utili idioti".Prendiamo un po' di gente, agitiamo le loro menti con un efficace cocktail di verità e menzogna, proponiamo una goliardica gita a Roma a modico prezzo: ecco che, magicamente, riempiremo la piazza, contro l'odiato tiranno che osa voler riformare la scuola, sacro ed inviolabile tempio del cazzeggio, sbocco occupazional/clientelare per schiere di persone altrimente costrette (orrore) al lavoro manuale.......

    Report

    Rispondi

  • lunes

    14 Novembre 2008 - 16:04

    Quando non si sa più cosa dire, si ricorre al "fascismo"; ma si rendono conto questi signori che sono passati quasi settant'anni da quell'epoca? Non sarà il caso di guardare avanti, lasciando stare il passato che, secondo me, sarebbe tutto da riscrivere? Ha avuto ragione il Dott. V.Feltri che, in un suo articolo di cui non ricordo l'argomento, riferendosi ad alcuni facinorosi ha detto: "sono qualcosa di peggio dei fascisti: sono comunisti".

    Report

    Rispondi

  • adre1987

    14 Novembre 2008 - 13:01

    vengo anche a sapere ora che non solo sono stati sganciati soldini per i pullman che dicevo sopra, ma addirittura, dopo i movimenti alla stazione di milano la soluzione di pagamento dei 32mila euro che trenitalia chiedeva per il treno messo a disposizione è stata semplicissima! La cifra è stata coperta grazie all'aiuto di Rifondazione comunista (5mila euro cash) e della Camera del lavoro (stessa cifra) che ha fornito anche la firma di garanzia in caso di danneggiamento del treno. Cgil si impegna anche a reperire i 14mila che mancano. I ragazzi hanno così dovuto raccogliere poco più di 8mila euro con una colletta.... cioè, sarò matto io... ma mi pare sconcertante sta cosa..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog