Cerca

Alitalia, cancellati 100 voli

Cai si avvicina a Air France

Alitalia, cancellati 100 voli
"Non c'è più spazio per il negoziato". È categorico il ministro delle Infrastrutture e trasporti Altero Matteoli a proposito del caso Alitalia. Che più che caso è diventato un vero e proprio 'caos': lo sciopero bianco dei controllori e dei piloti continua, insiema ai disagi. Nella giornata di lunedì sono stati cancellati oltre cento voli tra Linate e Fiumicino. Cancellazioni sono previste anche per martedì 18 novembre: i voli soppressi sono già a quota 45, ma il numero è destinato a crescere.
E tra i mille disagi si è intanto aperta per Alitalia quella che il Commissario straordinario della compagnia Augusto Fantozzi ha definito "una settimana decisiva. Per il momento sono state spedite le lettere di messa in cassa integrazione a rotazione per tutti i dipendenti che riguardano circa 17 mila dipendenti", ha dichiarato domencica Fantozzi, precisando che risponderà all'offerta di Cai entro la metà della settimana. "Spero che riservi solo sorprese piacevoli", ha precisato il Commissario, "in settimana chiudiamo". 
La messa in cassa integrazione del personale, spiega il ministro Matteoli, è dovuta al fatto che "Cai non può assumere da Alitalia, ma deve assumere dalla mobilità. Subito dopo assumerà". "Siamo alla fase terminale della vecchia Alitalia, per passare poi alla nuova Alitalia che deve essere messa in condizione di operare in tempi brevissimi, dopo i disagi di questi giorni, imputabili a dei sindacati autonomi che non hanno ritenuto di individuare in Cai la soluzione dei problemi industriali. Io invece ci credo molto perchè credo nel programma e nel piano industriale che è stato presentato", ha osservato Matteoli.
 A proposito del partner esterno per la compagnia di bandiera italiana, Matteoli ha sottolineato come ci siano "tre grandi compagnie internazionali interessate: British Airways, Air France e Lufthansa. British Airways ha mostrato un interesse più timido rispetto alle altre due compagnie. La scelta non è un problema del governo ma di Cai. Da un punto di vista politico, l'unica cosa che mi sento di dire, è che indispensabile un grande partner internazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alberto.b

    18 Novembre 2008 - 12:12

    sgambetto a prodi, berlusca che ha fatto saltare tutto, sindacati che non ci stanno... tutte fandonie!!! l'alitalia era fallita di fatto molto tempo fa. non doveva essere salvata ne da prodi ne da berlusconi. Tutti a casa! hanno sperperato e mangiato e rubato di tutto senza dare un servizio al limite del decente. Ma quale proteste tutti a casa a lavorare i campi.

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    17 Novembre 2008 - 18:06

    veramente l'unico sgambetto che ha avuto Prodi è stato quel ....... di Mastella.........

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    17 Novembre 2008 - 18:06

    air france aveva abbandonato le trattative. l'AD di air france aveva dichiarato i poteri magici per trattare alle condizioni poste dai sindacati. quindi aveva lasciato. l'alitalia era in fase fallimentare. il nuovo governo rappresentante di maggioranza, come il governo prodi prima, cerca di risolvere il caso. ora sta sistemando la questione di subentro e di cessazione della vecchia alitalia. depurata di tutto e lavati i panni in casa nostra. rivendera' al migliore offerente la nuova alitalia in regola. faranno un affare. e la vecchia alitalia? ca.....zzi degli italiani. chiaro no. ma il governo precedente non e' stato migliore. il casino era gia' instaurato. e poi chiedete a veltroni ha sgambettato prodi ed il suo governo??? chie' causa del suo mal pianga se stesso.altroche berlusca.

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    17 Novembre 2008 - 15:03

    Adesso è fondamentale l'apporto di un partner estero!!!!Insomma abbiamo passato un anno a farci due maroni così, a spendere soldi su soldi (pubblici) per tirare a campare, far figure di merda con i turisti e/o lavoratori esteri aspettando la cordata italiana di brancaleone e improvvisamente si rendono conto che non ce la fanno e ci vuole magari la stessa compagnia a strisce rossebiancheblu sulla quale fino a ieri sputavano in nome di chissà quela bandiera ed italianità.....ma 'ndi a ciàpà i ràt, che buffoni!!!!

    Report

    Rispondi

blog