Cerca

Nuovo video di Al Zawahiri

"Obama, sei un servo negro"

Nuovo video di Al Zawahiri
"Sei un servo negro". Il neo presidente degli Stati Uniti Barack Obama entra 'di diritto' nel mirino dei terroristi. Il numero due di Al Qaeda, Ayman al Zawahri, attraverso un video diffuso su siti web islamisti e mandato in onda dalla Cnn, lancia infatti insulti e minacce nei confronti del numero uno della Casa Bianca, associandolo a leader ebrei e contrapponendolo a Malcolm X, "nero americano rispettabile".
Al Zawahri punta a definire il presidente eletto come un nero al servizio dei bianchi, lo accusa di aver voltato le spalle alle sue origini islamiche per il sostegno dato a Israele e di essere al servizio degli ebrei: "Sembra che tu sia ancora prigioniero della stessa mentalità che gli americani hanno avuto nei confronti degli arabi e dei musulmani. La nazione islamica ha sentito le tue dichiarazioni nei confronti di Israele e ha capito che tu hai assunto una posizione ostile nei confronti dei musulmani. Tu sei rappresentante degli oppositori americani come Malcom X, sei nato da un padre musulmano, ma hai scelto di stare tra le fila dei nemici dei musulmani e di eseguire la preghiera degli ebrei pur dicendo di essere cristiano". Analoghi epiteti vengono poi ripetuti nei confronti dell’ex segretario di Stato Colin Powell e di Condoleeza Rice.
Il medico egiziano promette anche un fallimento al piano di Obama di spostare truppe in Afghanistan, sostenendo che l'America verrà sconfitta nel Paese, proprio come già avvenuto in Iraq. "Ora che sei diventato presidente ti aspettano le conseguenze del fallimento e dei crimini da voi commessi", ha affermato il vice di Osama bin Laden rivolgendosi direttamente a Obama. "Il fallimento in Iraq tu lo hai gia riconosciuto, mentre quello in Afghanistan è stato riconosciuto dai tuoi generali".
Nel suo discorso il terrorista non si rivolge solo a Obama, ma lancia un appello anche al suo leader, Osama bin Laden e lo 'incalza' sulle scelte da fare nel futuro immediato: parlando con lo sceicco, annuncia il ritiro delle forze straniere "dalle terre dei musulmani, la fine delle ruberie dei nostri tesori e della loro interferenza nei nostri affari", Poi lo ammonisce: "Ora scegli tu cosa vuoi fare e assumiti le conseguenze delle tue scelte: come tu giudichi così verrai giudicato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bodhi

    20 Novembre 2008 - 15:03

    Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti, ovvio quindi che abbia rapporti con il potere americano e mondiale, altrimenti non avrebbe mai potuto arrivare fin li. Ovvio anche che non può rivoltare il mondo da domani mattina e questo lo capirebbe anche un bambino di un anno. Però credo sia l'unica speranza che abbiamo per un futuro migliore, più umano. Un futuro sempre più lontano dalla politica sconsiderata degli ultimi anni, la politica di Buch, delle multinazionali, delle guerre pianificate per risollevare l'economia, di leggi approvate in gran segreto che hanno avvicinato molto gli USA a una dittatura militare, ecc. Per questo ha preso così tanti voti, perchè questa volta il potere ha davvero esagerato! E, soprattutto non ha nemmeno ottenuto quella crescita economica che è sempre stata utilizzata come scudo per giustificare qualunque azione. Vedremo se con Obama questo cambiamento avverrà oppure no, ma se c'è un uomo che lo può fare a mio avviso è lui. Per questo, a mio parere, da molto fastidio ai terroristi; con una politica di un certo tipo i rapporti tra islam e occidente migliorerebbero così tanto da minacciare seriamente la loro esistenza.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe.maltesigmail.com

    20 Novembre 2008 - 12:12

    Rappresenta il sogno americano, è americano vero. Sono contento che abbia vinto: se un attacco simile fosse stato fatto al repubblicano avrebbe subito avuto una dotta spiegazione dai "politicamente corretti". Adesso li invito a rileggersi tutte le utopiche, inconsistenti previsioni spacciate prima delle elezioni, quando gli Americani erano antipatici per colpa di Bush. I nostri si comportano, verso gli USA, come molti giudici ed avvocati nei confronti dello stupro di una donna: alla violazione fisica fanno seguire la lapidazione, in occidente mediatica. Così gli USA li menano e poi li accusano di essersi aereoplanizzati da soli o gli danno dei guerrafondai se cercano di prevenire/difendersi

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    20 Novembre 2008 - 12:12

    Il luogotenente di Bin Laden,il Medico egiziano Al Zawahri,in un video trasmesso dalle solite emittenti arabe o arabeggianti,senza alcun rispetto per il nostro Veltroni dà brutalmente del "Negro" al Presidente USA in pectore. Subito dopo minaccia l'Occidente ,esigendo "il ritiro delle forze straniere dalle terre dei musulmani, la fine delle ruberie dei nostri tesori e della loro interferenza nei nostri affari". Gli "affari" nella sua ottica sarebbero il commercio di droga e buttare qualche bombetta qua e là . Poi attacca "Ora voglio dire ai miei fratelli leoni della Somalia,non lasciate le vostre armi prima di instaurare uno stato islamico in tutta la Somalia". E qui mi si accende la lampadina. Perchè ieri,dando un'occhiata alla prima pag.del "Daily Telegraph", ho letto che la petroliera sequestrata al largo di quella Nazione "has been laden with more than 2 million barrels etc"(è stata caricata con più di 2 milioni di barili etc). Orbene,in inglese il "been" si legge "bin", l'egiziano,povco avvezzo alle cose di mare e sbagliando nel confondersi, avrà pensato "quella è cosa nostra",ha chiamato i suoi plenipotenziari somali,et voilà,il gioco è fatto. E la Nato, che fa? Che fa ?

    Report

    Rispondi

  • marygray

    19 Novembre 2008 - 21:09

    obama è indubbiamente un presidente che scotta. è vero che è la dimostrazione di un mondo aperto , ma aperto per chi?? se ancora in un mondo che si definisce democratico ed avanzato per situazioni politiche banali che si potrebbero risolvere con il dialogo ci si scontra , come se fosse scoppiata una guerra , che cosa vi aspettavate che facessero gli integralisti ? con un presidente che sconvolge tutte le loro prerogative e i loro pregiudizi?credete veramente che coloro che vivono in America od in Europa abbiano acquisito il concetto di democrazia e di integralismo?siamo noi che parliamo di integralismo ma è una ben piccola minoranza che si vuole veramente integrare , quindi dai terroristi solo questo ci si poteva aspettare e non dimenticate che il KUS KUS KLAN non è morto in America quindi di che cosa ci si stuousce? e riferendomi a silon che ritiene non opportuno dare importanza alle notizie dei terroristi , non sono d'accordo poichè è bene continuare a renderci conto che sono " diversi"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog