Cerca

Walter processa Latorre

per un 'pizzino'

Walter processa Latorre
Un bigliettino, una telecamera indiscreta e dentro il Pd si riaccende la guerra. Dove l’oggetto, più che il “pizzino”, è cosa sia e debba essere questo partito. Chi chiede pubbliche scuse, chi accusa il segretario e i suoi di stalinismo, chi processa il “passatore” del bigliettino, chi il segretario. Lo schema è il solito: veltroniani e popolari (spalleggiati da dipetristi) contro dalemiani, coi rutelliani a prendere le difese dei secondi. Sullo sfondo, l’elezione di Riccardo Villari, coi dalemiani principali sospettati ad aver “tramato” con il centrodestra. Ad accendere la scintilla è Striscia la notizia che mostra il video di una puntata di Omnibus. Il tema è la Vigilanza Rai. Nicola Latorre, nell’iconografia democratica dalemiano doc, passa un bigliettino a Italo Bocchino, Pdl, suggerendogli una risposta da dare a Massimo Donadi, Italia dei Valori. Ieri Omnibus, riprendendo Striscia, mostra il contenuto del “pizzino”: «E la Corte costituzionale? E Pecorella?». Ovvero: ricorda a Donadi che la maggioranza ha buon gioco a non votare Leoluca Orlando, dal momento che il Pd, quando il Pdl ha proposto un suo uomo, Gaetano Pecorella per la Corte Costituzionale, gli ha risposto picche. Per gli uomini del segretario è la prova provata di quanto (privatamente) sostengono da sempre: la connivenza dei dalemiani con il centrodestra, specie nella vicenda dell’elezione di Villari.

Elisa Calessi su Libero di giovedì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuigiFassone

    21 Novembre 2008 - 13:01

    L'ultimo esponente dell'opposizione (dopo che Casini fa i soliti casini,e che la Finocchiaro, da bella e tosta, è diventata,a causa del capatosta Villari, torva e rognosa con quel suo "Pussa via !" che quasi quasi mi andava a genio, è anch'egli,come il Sen.Villari,a rischio, per aver passato quel ritaglio di giornale con la risposta da dare al Prof. che insegna a "Omnibus" all'ex A.N.,ora PdL, Bocchino...Questa opposizione una la fa e una la pensa,per farla...alla prossima occasione.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    20 Novembre 2008 - 18:06

    Dottò, l addetto di Montalbano sono, songo duro di comprendonio, ma chi fu fuori Villari o Veltroni per incapacità di dialogare con l opposizione e con i suoi DP ex di tutto? Mi sorge spontaneo una domanna: macchè Baffino il cuoco sopraffino, er Marx D Alema ex Molotoviano non lò incendiò ja? ciao grazie! Vincenzo

    Report

    Rispondi

  • Bodhi

    20 Novembre 2008 - 15:03

    Ma quale destra? Ma quale sinistra? Quale maggioranza o opposizione? Si scannano tanto davanti alle telecamere e poi vanno a cena insieme e sono amiconi che trovano subito un accordo su tutto. Tanto vogliono tutti esclusivamente la stessa cosa: la poltrona.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe.maltesigmail.com

    20 Novembre 2008 - 12:12

    o, forse: non sarebbe bello che fosse vero un occhio di riguardo verso l'opposizione più liberale e liberista che abbiamo? Red ha uomini molto più liberali di molti ex An o ex Dc oggi al governo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog