Cerca

"Erano tutti a casa di Mez"

Spunta il supertestimone

"Erano tutti a casa di Mez"
Amanda Knox, Raffaele Sollecito, Rudy Guede e meredith Kercher tutti e quattro insieme due giorni prima dell'omidicio della studentessa inglese, avvenuto la notte del primo novembre 2007 a Perugia. È questa la testimonianza di una persona ritenuta particolarmente attendibile da parte degli inquirenti E così i pm hanno chiesto di poter ascoltare il testimone davanti alla Corte d'assise, chiamata a processare il giovane pugliese e la ragazza americana.Davanti ai giudici potrebbero anche comparire i familiari di Mez come sollecitato dai legali che li rappresentano come parte civile.
 Secondo quanto riferito dal teste, un giovane neo laureato italiano che si è presentato spontaneamente ai magistrati Giuliano Mignini e Manuela Comodi, la notte del  30 ottobre 2007, passando casualmente in via della Pergola, dove abitavano le due ragazze, aveva visto uscire dalla villetta i quattro ragazzi. Ha riconosciuto Rudy Guede (già condannato a 30 anni di reclusione con il rito abbreviato), quindi ha identificato gli altri tre dalle foto apparse sui quotidiani.
Per gli inquirenti questa testimonianza è la conferma che Sollecito, la Knox e Guede si conoscevano e quindi insieme hanno partecipato al delitto della loro amica. La lista dei testimoni a disposizione del pm comprende una novantina di nomi. Tra questi c'è anche quello di una giovane che abita vicino alla casa del delitto la quale dice di aver udito un grido proprio la notte dell'omicidio. Agli atti c'è infine le dichiarazioni di un barbone che sostiene di avere visto i due ex fidanzatini intorno alle 23.30 del primo novembre sulla scalinata antistante la casa di via della Pergola. Ma i testi non dono finiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog