Cerca

Nasce il Movimento per l'Italia

Santanché: ala destra del PdL

Nasce il Movimento per l'Italia
Si chiama 'Movimento per l’Italia'. Nasce alla destra del Popolo della Libertà, con l’obiettivo di entrare a far parte di quello che Daniela Santanchè chiama "il partito delle riforme". È la nuova creatura della Santanchè. O, come lo definisce metaforicamente il berlusconiani Denis Verdini, "l'affluente di un fiume più grande che potrà diventare l’oceano della libertà". Il perno sul quale ha fatto ruotare il discorso con il quale ha battezzato il suo movimento, potrebbe tranquillamente rappresentarne la “ragione sociale”: "Non saremo una formazione politica di protesta", ha detto la Santanché aprendo la convention del Movimento per L’Italia, "ma di proposta, perché vogliamo guardare al futuro per cambiare l’Italia". Dunque nessuna concessione ai reducismi, tantomeno ai nostalgici di un passato che non può, e non deve, tornare. Un modo, questo, per tagliarsi definitivamente i ponti alle spalle, ovvero con La Destra di Francesco Storace, in modo da iniziare a percorrere la strada, a dir la verità in salita, che porta al rientro dentro al Pdl.
Per questa ragione, quello battezzato ieri a Roma, non è l’ «ennesimo partitino», ma un movimento che intende schierarsi con il Popolo della libertà, "il partito delle riforme", per cambiare l’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebrisi

    24 Novembre 2008 - 17:05

    Anch'io vorrei fondare un partito; che bello!, potrò usufruire dei rimborsi elettorali, che il governo accrediterà sulla società che istituirei (Di Pietro docet), potrò percepire un lauto stipendio e tanti rimborsi ed introiti sottobanco. Che pacchia!!! Italiani aiutatemi a farlo, così anch'io potrò ridere di voi!!!

    Report

    Rispondi

  • antari

    24 Novembre 2008 - 11:11

    per cambiare l'Italia? Beh non scordiamo il passato :P Questo post per ricordarvi che la Santanche e' quella del dito, quella che poi ha detto non ci credo voglio vedere la foto. Poi certo avra' chiarito che il dito non era per gli studenti.. forse era per chi aveva vicino??? A me non sono mai piaciuti molto questi politici, ma capisco che ad Altri piacciano. In fondo, meglio una che muove un dito e forse solo quello, rispetto a chi e' in parlamento dopo condanne per fatti gravi. Saluti

    Report

    Rispondi

  • allanemadapalla

    24 Novembre 2008 - 11:11

    VERDINI, ABELLI, FRATTINI SIAMO STUFI DELLA VOSTRA RAGAZZOTTA CHE CON METODI AFFATTO DEMOCRATICI CI AVETE SCARICATO SUL GROPPONE: LA BIANCOFIORE. TENETEVELA A ROMA, IN CAMPANIA; MANDATELA IN SARDEGNA. ABBIATE UN PO' DI RISPETTO PER I TESSERATI E GLI ELETTORI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO. NON FATE I FINTI TONTI, TANTO ABBIAMO "SMAGATO" GIA' DA TEMPO.

    Report

    Rispondi

  • allanemadapalla

    24 Novembre 2008 - 11:11

    Verdini è venuto a Bolzano / Bozen con "lo cunto de lu tiu" a coglionare iscritti ed elettori di FORZA ITALIA: "I voti li prende Berlusconi..." NO, I VOTI LI FACCIAMO NOI TESSERATI E SE CI ROMPETE LI COGLIONI, come avete fatto questa volta, NON VE LI FACCIAMO. DILLOANCHE AL commissario ABELLI ed alla BIANCOFIORE che non ha fatto i CONGRESSI.

    Report

    Rispondi

blog