Cerca

Veltroni fa l'offeso

"Silvio poteva chiamarmi"

Veltroni fa l'offeso
Il Partito democratico, che dell’opposizione riformista dice o cerca di essere il principale interprete, rischia, di fronte alle misure anti-crisi del governo, di venir scavalcato dall’opposizione dichiaratamente meno dialogante e più anti-berlusconiana del Parlamento: quella di Antonio Di Pietro. È questo l’ultimo paradosso in cui si trova Walter Veltroni. Una situazione che, se confermata, finirà per favorire per l’ennesima volta l’alleato che dà più grane ai democratici, l’ex pm. Il segretario del Pd, infatti, ieri, in una nota, ha risposto picche alla richiesta di collaborazione avanzata dal presidente del Consiglio. «Le proposte anti crisi presentate dal governo», ha spiegato, «sono purtroppo del tutto insufficienti, non c’è nulla di strutturale, nulla che riguardi i redditi e le pensioni, nulla che riguardi il precariato, molto poco per le piccole e medie imprese». Il giudizio è senza appello: «Il governo si mostra ancora una volta inadeguato rispetto alla gravità della situazione». Se davvero si cercava una collaborazione, aggiunge, bisognava ascoltare «le proposte» dell’opposizione e «concordare» i provvedimenti.

Elisa Calessi su Libero di domenica

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mirella62

    05 Dicembre 2008 - 12:12

    CARO PRESIDENTE MA LO POTEVA CHIAMARE? BE' FA SEMPRE IN TEMPO LO CHIAMI E GLI AUGURI BUON NATALE ANCHE DA PARTE MIA

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    01 Dicembre 2008 - 23:11

    Contadino si, ma mica scemo! Salve che pensarlo diversamente da loro sarei fascista di tutto e di più? Mi chiedo ma come fa D Alema er Baffino cuoco sopraffino bravo a sognare banche delle COOPS, preparare torte in faccia ai cittadini nel dire che qui Berlusconi non farebbe un Governo con l opposizione come Obama? Primo, bisogna vedere cosa ne uscirà dal Governo, come né uscirà! Obama, sopporterà una donna forte mascolina con la Clinton e il Pentagono in mano all uomo di Bush J.? Tutto questo non vuol dire che Geoge J. era nella direzione giusta per continuare la caccia a terroristi? L economia non è scienza matematica, del due più due, ma lo decede il mercato, gli speculatori di offrirti cosa comprare o vendere. Secondo, sicuro che comanderà Obama a parte la firma in calce ed un Parlamento Democratico a suo favore? Gli Americani non sono come i Kompagnuzzi che fanno O Obama, quanto ti bramo, ma poi Baffino si defilerà o aiuterà Barak Obama o faranno marcette come quelle dei 10 100 1000 stragi di Nassiriya? Si sa che la lingua batte dove il dente duole, ne? vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    01 Dicembre 2008 - 12:12

    gli stessi soldi che sta chiedendo adesso Tremonti dato che non mi sembrano ci siano in atto sostanziali abbassamenti delle tasse.....in Inghilterra hanno abbassato L'IVA, qui ci si vanta di aver dato 40€ al mese!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • micael44

    01 Dicembre 2008 - 12:12

    Valterino ha detto in Tv che il Governo non deve chiedere il consenso dopo, ma deve parlare con l'opposizione prima di operare! Uolter ha la memoria corta: ha dimenticato che Berlusconi tese la mano prima a Prodi (che gli sputò sopra) e poi a lui stesso all'inizio di questa legislatura. A differenza di Prodi, il caro Valter prima finse (o faceva sul serio?)di stringere quella mano, poi ci sputò sopra, aiutato da Di Pietro. Ora fa l'offeso? Totò diceva tra le tante, due cose: "ma mi faccia il piacere!" e " accà nisciuno è fess"!!! Godiamocelo questo governo decisionista, senza ascoltare le ovvie contrarietà dell'opposizione. Berlusconi, non ti curar di lor ma guarda e passa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog