Cerca

Slitta il decollo di Alitalia

Scajola: "Parirà dopo Natale"

Slitta il decollo di Alitalia
Slitta il decollo della nuova Alitalia gestita dalla Cai. Anche de lunedì Cai aveva annunciato il decollo dei suoi voli entro il 12 dicembre. Secondo quanto annunciato dal ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, contrariamente alle previsione, infatti, "il cambio alla cloche di Alitalia ci sarà dopo le vacanze natalizie". Il tutto per evitare congestioni durante le feste. "L'operazione Alitalia si è conclusa con la vendita a una cordata italiana", ha detto il ministro, "si è poi definita la data dell' 1 dicembre in cui partono tutti gli effetti economici dell'operazione. C'è poi la questione del cambio di casacca per pilotare gli aerei. E il periodo natalizio non è certo quello ideale per il cambio di guida".
resta tuttavia che, conferma Scajola, "l'accordo economico con la Cai è operativo a tutti gli effetti da ieri". Il ministro è fiducioso e auspica la possibilità che la nuova compagnia torni ai livelli qualitativi della vecchia Alitalia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    03 Dicembre 2008 - 18:06

    Hai ragione vololibero.Però rammenta che Alitalia è perita per mano del suo stesso personale, che ha fatto del tutto per farla perire e per portarla alla fossa, complici i sindacati triplicini e tutto l'ambaradan sindacale, qualcuno a rappresentare due o tre persone;tre piloti e due hostess. Riguardo al popolo italiano che paga, è una vita che lo fa. Strano che te ne accorga solo ora. Hai letto il debito pubblico? Nel 1970 era il 36% della ricchezza prodotta, ora stiamo al 104% e più rispetto al PIL. Io sospetto che tra poco pagheremo il passato, il presente il futuro, dichiarando bancarotta. Se ti giri intorno, dimmi un'impresa o similia che va avanti senza l'aiuto statale. Strano te ne accorga solo ora. E tornando ai detti : meglio tardi che mai.

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    03 Dicembre 2008 - 14:02

    Alitalia non perirà dopo Natale essendo già perita (non si può morire due volte) tanto è vero che ha già fatto testamento. Cosa più unica che rara, grazie ai nostri fantasiosi politici, a differenza delle normali successioni l'Alitalia ha un erede che si cucca l'attivo ed uno (il popolo italiano) che si tiene i debiti. Ciò che rende ancora più singolare la faccenda è che almeno metà del popolo italiano che è chiamato a pagare i debiti non solo si dichioara contento ma applaude anche il "notaio" che ha suggerito l'operazione. Siamo un POPOLo fantastico.

    Report

    Rispondi

  • Akiravl

    03 Dicembre 2008 - 14:02

    secondo me Scajola ha sbagliato, partirà il 6 gennaio , si ma a cavallo di una scopa, sperando che non la diano in mano a berti o agli altri beoti della corporazione dei tacchini volanti

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    03 Dicembre 2008 - 14:02

    Come dire, "melius abundare quam deficere", (meglio abbondare che scarseggiare) vero vololibero? PS Si voleva dire partirà. Io avrei desiderato perirà,un annuncio da me tanto desiderato, sarebbe stata la fine all'esiziale tormentone. (Se sbaglio mi "corrigerete")!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog