Cerca

Giustizia, Fini lancia l'appello

"Serve una riforma condivisa"

Giustizia, Fini lancia l'appello
Una riforma condivisa, per garantire l'efficienza del sistema giudiziario, che intervenga anche sull'assetto della magistratura. È quanto auspica il presidente della Camera Gianfranco Fini: "È necessaria una riforma che abbia come obiettivo condiviso ciò che è auspicato da tutte le forze politiche, e cioè l'efficienza del sistema giudiziario. Al di là delle ricorrenti polemiche e strumentalizzazioni, è innegabile che allo stato attuale la durata dei processi preclude la tutela dei diritti dei cittadini e ciò è davvero inaccettabile. Credo che in quest'ottica sia doveroso, ferme restando l'indipendenza e l'autonomia, riflettere anche sull'assetto della magistratura, se davvero si vuole che sia all'altezza delle proprie funzioni costituzionali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    09 Dicembre 2008 - 18:06

    Al sig fini vorrei dire che da circa 30 anni i processi, anche i più semplici, hanno tempi biblici e che la giustizia, i suoi privilegi, le sue inefficienze ed interferenze (adesso anche nel segreto di stato e nella professionalità dei generali) non sono più sopportabili. Non sono più sopportati, non da sx o dx, ma dai cittadini, quindi se per la indispensabile riforma non si ottiene l'assenso dell'opposizione, chissene frega. Separazione delle carriere, competenze e limiti dei giudici, organo di controllo e giudizio (e non di avallo) della categoria, organo che deve essere composito e non formato da soli giudici, non sono più procrastinabili checchè ne dica lui o l'opposizione. Anche la professionalità e produttività di questa categoria di statali inefficienti deve essere controllata e pesata con criteri da ditta privata, perchè nessuno è migliore di un'altro in una democrazia.......

    Report

    Rispondi

  • giovannitalleri

    09 Dicembre 2008 - 15:03

    Perché condivisa? Va proposta e votata secondo le regole e la maggioranza richiesta. Altrimenti si continuerà a chiacchierare in vano.www.giovannitalleri.it

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    09 Dicembre 2008 - 14:02

    gianfranco dai fai ragionare ed addolcire un po di piu' berlusca fai tu da connettivo nel pdl sono certo che riuscirai nell'intento sai prefettamente che senza ricercare il dialogo non avrete molta vita e successo. quindi aggancia dalema bossi e gli altri di ragione. i pazzi non si posson o recuperare si devono curare prima a seconda del livello della malattia. ancora ti esorto a partire con i sani e poi via via con gli altri. a risultati ottenuti tutti saranno con te ed il pdl.

    Report

    Rispondi

blog