Cerca

Anm: con il ddl intercettazioni

a rischio le indagini sulla mafia

Anm: con il ddl intercettazioni
L’Anm torna alla carica: con la riforma sulle intercettazioni progettata dal governo sarà sempre più difficile portare avanti le indagini sulla mafia. A dichiararlo è stato il segretario dell’Associazione nazionale magistrati, Giuseppe Cascini, nel corso dell’audizione in commissione Giustizia alla Camera.
“Formalmente le indagini sulla criminalità organizzata si possono fare - aggiunge Cascini - ma poi nella pratica questo si rivelerebbe impossibile visto che con il provvedimento del governo diventeranno intercettabili solo reati con condanne superiori ai 10 anni”. E questo significa che “l’indispensabile strumento delle intercettazioni” non potrà essere usato per tutta una serie di reati compiuti normalmente dai mafiosi come, ad esempio, la turbativa d’asta e l’estorsione. Nel corso del intervento Cascini ha voluto esprimere le perplessità della categoria “sull’ipotesi di ampliare il novero dei casi nei quali procedere ad intercettazioni preventive. Questa soluzione determinerebbe una grave riduzione delle garanzie fondamentali dei cittadini e anche una drastica riduzione delle possibilità di accertamento di gravi fatti illeciti”. L’Anm ha detto comunque di essere “favorevole ad una disciplina molto rigorosa sulla possibilità di diffondere e pubblicare intercettazioni telefoniche che contengano fatti non rilevanti per l’accertamento del processo penale” attraverso un “filtro anticipato che escluda la materia non rilevante, da custodire in un archivio riservato”.
In commissione Giustizia ha parlato anche Francesco Pizzetti, presidente dell’Autorità garante per la privacy, che ha segnalato come nel ddl sulle intercettazioni occorrano “misure di sicurezza più avanzate” per la protezione dei dati personali, tema per il quale il provvedimento dimostra comunque “attenzione”. “Abbiamo apprezzato molto l'attenzione del provvedimento per la protezione dell’attività di intercettazione - ha spiegato Pizzetti lasciando la commissione - ma abbiamo anche sottolineato che la normativa è frutto di una cultura ancora cartacea: in quest’epoca servono misure di sicurezza più avanzate, come la tracciabilità elettronica di chi può effettuare le intercettazioni”. Il Garante ha sottoposto all’attenzione della commissione Giustizia “il problema dei problemi, la necessità cioè che l’attività giudiziaria accetti e faccia propria la cultura della protezione dei dati”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    10 Dicembre 2008 - 18:06

    va bene le intercettazioni che bisogna fare. ma non alla divulgazione alla stampa prima ancora delle istruttorie e dei processi. devono essere segrete. ma e' mai possibile che non si riesca a ragionare. quando ero giovane e precario ho lavorato per un po di tempo come esterno all'ufficio nascite e morti. bene gia 50 anni fa l'impiegato copiava su una cartina i nomi e cognomi dei nati e dei morti con indirizzi vari e poi li passava sistematicamente alle case di latte in polvere o prodotti per neonati ed alle pompe funebri o agli artigiani per fare le lapidi. ma dico vorrei sapere le famose talpe di corridoio o delle procure come fanno con gli stipendi da fame che hanno avere la carta di credito come quelli che possono. siamo seri per favore.di pietro tonino fatti sentire tu ne sai qualche cosa non parteggiare.

    Report

    Rispondi

blog