Cerca

Berlusconi: noi il paradiso

la sinistra è marxista

Berlusconi: noi il paradiso
Il dialogo con l’opposizione? Al momento è alquanto impossibile perché “ha ragione Bonaiuti quando dice che sono marxisti – leninisti”. Parola di Silvio Berlusconi che oggi è intervenuto alla presentazione dell’ultima fatica letteraria di Bruno Vespa, “Viaggio in un’Italia diversa”. Un’occasione che il presidente del Consiglio ha sfruttato per parlare a tutto campo degli ultimi temi che tengono banco in politica. “Ci vuole un cambio di generazione per poter parlare di socialdemocrazia”, ha continuato Berlusconi ribadendo che con questa sinistra non si siederà al tavolo del dialogo. Mentre il governo di centrodestra "è il paradiso".
Nel corso del suo intervento ha parlato anche di Costituzione. “La Carta si può cambiare e poi l’ultima parola spetta ai cittadini. Ci sono due votazioni con 6 mesi di tempo l’una dall’altra poi a decidere se la riforma sarà giusta saranno i cittadini. Questa è la democrazia”, ha dichiarato il premier. Giusta la “separazione degli ordini perché - ha chiarito Berlusconi - un pubblico ministero deve far parte di un ordine diverso e deve avere gli stessi diritti e doveri dell’avvocato e cioè andare dal giudice, bussare alla porta e prendere un appuntamento. In questo modo i cittadini sono garantiti”, ha continuato addentrandosi nel tema giustizia. Ma ha anche pronosticato che non sarà possibile procedere all’approvazione della riforma entro Natale per colpa dei tempi troppo stretti.
C’è dell’altro. “Siamo una piccola cosa, non la caput mundi che ha ispirato l’impero romano, e dovremmo imparare da altre realtà del mondo”, ha proseguito il capo del governo paragonando l’Italia ad altre realtà appunto, come quelle del Medio Oriente, dal quale ci divide “una grande distanza” sull’esperienza dell’ultimo tour in quella parte del mondo.
“Nel caso recente della proposta della Libia, credo che vi sia tutta la convenienza che la Libia sia parte in questa nostra impresa” ha affermato in merito all’annunciato ingresso di Tripoli in Eni. “Poi - ha aggiunto rispondendo ad una domanda se il governo sia aperto all’ingresso di altri Paesi nei capitali delle industrie italiane - decideremo di volta in volta perché, ad esempio, non gradiremo che questi interventi fossero fatti attraverso silenziose operazioni nei mercati borsistici”.
Capitolo commissione di Vigilanza Rai: “Oggi sono stato accusato da un tale Orlando di aver lavorato per l’elezione di Villari, che non ho mai conosciuto e con cui non ho mai parlato, come possono testimoniare i miei capigruppo”.
Alitalia. Il premier ha escluso qualsiasi ingresso nel capitale da parte di partner stranieri con i quali verranno siglati solo accordi economici. “Esprimo la mia posizione personale”, quella che la nuova Alitalia non deve arrivare a un partner straniero con Air France o Lufthansa, “ma solo ad accordi commerciali” sono state le sue parole. Alle prossime elezioni europee si voterà con l’attuale legge elettorale? “Credo proprio di sì”, ha risposto Berlusconi alle domande dei giornalisti.
Non sono mancati riferimenti alla sfera privata del premier. Bruno Vespa prima sottolinea l’eleganza della first lady Veronica Lario alla prima scaligera di domenica scorsa e Berlusconi ribatte: “Ho visto ed ho anche molto apprezzato”. Domenica sera “Sono tornato a casa ed ero solo solo – ha continuato  -, erano andati via tutti e si erano portati anche il cane. Volevo fare una sorpresa, non pensando che mia moglie rimanesse alla cena di gala. Ero tornato a casa per accoglierla al suo ritorno”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pd170

    11 Dicembre 2008 - 13:01

    Caro Silvio, sei simpatico, ma nelle tue esternazioni sei sempre smisurato e provocatorio. La Sinistra-Marxista è uscita dal Parlamento le scorse elezioni. Silvio, su, non fare il monello. So che provi livore verso coloro che lo provano per te. In molti casi hai pure ragione, ma adesso smetti di cercare consenso infangando il nome dell'avversario. A furia di affermazioni del genere, la gente più credulona ci crederebbe davvero al paradiso; persino l'ateo Feltri si convertirebbe in cattolico-cristiano. Come Gramsci un attimo prima di esalare l'ultimo respiro (così han detto). E arriveremmo a credere che Feltri, in realtà, è sempre stato un gramsciano.

    Report

    Rispondi

  • SWALLOW_5

    11 Dicembre 2008 - 11:11

    Come al solito la coerenza di Berlusconi non fà una piega: si appresta a vendere la più grande azienda italiana che fà profitti a GHEDDAFI, vero DEMOCRATICO, fatto a sua immagine e simiglianza, e non ha voluto vendere ALITALIA, una azienda disastrata, carica di debiti che ha trasferito ai CITTADINI (tanto sono una massa di COGLIONI). Ora vuole che i giudici BUSSINNO ALLA SUA PORTA e prendano ORDINI da lui; in questo modo i cittadini (leggasi sè stesso e la PLETORA di condannati, inquisiti, prescritti ed indagati della sua CORTE) saranno GARANTITI. AUGURI ITALIA.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    11 Dicembre 2008 - 11:11

    silvio di tutto quello che hai detto le uniche parole dette e sincere sono quelle che hai dedicato a tua moglie. sei istintivo ed emotivo nei tuoi sentimenti piu' profondi. cosi' come hai parlato al pubblico di tua mamma. naturalmente fai sentire che sei genuino. i sentimenti che esprimi sono sani. gli affari e la politica sono altra cosa.

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    11 Dicembre 2008 - 11:11

    Ma quanto è potente quell'ometto...trasforma una presentazione di un libro del lecchino Vespa in un comizio elettorale che farebbe arrossire Cetto Laqualunque...riguardo a Lufthansa visto che sono gli altri che estrapolano una parola e la strumentalizzano cito un bel pezzo del 24-09 tratto da temporeale.libero.it/libero/fdg/2191051.html " l'ipotesi Lufthansa è esattamente uguale alle ipotesi Air France o British Airways". E se ne parla, ha comunque sottolineato il premier, "come ipotesi di collaborazione e di alleanze ed eventualmente, eventualmente, con la partecipazione di assoluta minoranza" Mmmmmmmmmmmmmmm però sono passati due mesi non i soliti due giorni per girarla come vuole lui e non quei comunistacci che hanno l'85% della stampa italiana (ma se ci sono tutti sti comunisti, babybaffy per es tu che mi sembri uno intelligente, l'Italia ha circa 5 milioni di immigrati, 40 di comunisti quanti rimangono fra statali fannulloni e elettori di centrodestra?)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog