Cerca

La Gelmini: sul maestro unico

nessun passo indietro

La Gelmini: sul maestro unico

Il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, questa mattina ha negato qualsiasi passo indietro da parte del governo sulla riforma scolastico: “Non c’è stata nessuna retromarcia. E’ tutto confermato – si legge in una nota del ministero -. Un unico maestro sarà il punto di riferimento educativo del bambino e viene abolito il modello a più maestri degli anni ‘90”. E’ una falsità quanto è stato detto tra ieri ed oggi e chiunque agisce in questo modo “cerca in maniera strumentale di mettere in discussione la linea del governo che non è mai cambiata e che non cambia”.
Ma il dibattito politico ormai è cominciato. Dario Franceschini, vicesegretario del Pd, intervistato da YoudemTv, ha accusato l’esecutivo di aver fatto marcia indietro sul maestro unico, ma non sui tagli al comparto scuola. “Dobbiamo essere prudenti perché se è vero che rinunciano al maestro unico, è altrettanto vero che restano i tagli della Finanziaria”. E ancora sulla riduzione del tempo pieno: “Se una famiglia con difficoltà economiche si ritrova il figlio che esce da scuola alle 12.30 e magari a 40 chilometri da casa, allora si aggiunge disagio a disagio”.
“Il ministro Gelmini ha fatto una cosa a mio avviso molto intelligente, senza tornare minimamente indietro rispetto alla ratio delle iniziative che ha fin qui portato avanti”, ha invece commentato il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni. La scelta della Gelmini è stata presa “per poter avviare una campagna informativa, rispetto alla disinformazione che è stata fatta e per poter dare modo alle famiglie di comprendere bene quali sono le iniziative che il governo sta portando avanti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    15 Dicembre 2008 - 12:12

    si tranquillizzi, la marcia indietro sul maestro unico non è dovuta alla manifestazioni della sinistra ma solo al fatto che trattasi di una non-riforma. Non è la sinistra che fa cambiare idea al governo ma solo la ragione che dopo i fuochi di artificio delle finte riforme torna a galla e si impone con prepotenza. Ma Lei veramente pensava che la scuola italiana si potesse riformare con il ritorno al maestro unico, il gembiulino ed il voto in condotta?

    Report

    Rispondi

  • fulvio.savi0

    13 Dicembre 2008 - 16:04

    siamo esterrefatti.se il governo comincia a far marcia indietro di fronte alle solite manifestazioni della sinistra, per che cosa lo abbiamo votato. perche le cose continuino come al solito .....

    Report

    Rispondi

  • lored

    12 Dicembre 2008 - 19:07

    al di là della fermezza che tutti noi sostenitori di questo governo ci aspettiamo, se effettivamente la scelta è stata fatta per poter avviare una campagna informativa rispetto alla disinformazione che è stata fatta per poter dare modo alle famiglie di comprendere bene quali sono le iniziative che il governo sta portando avanti e a insegnanti e sindacati la necessità di "cambiare l'attuale stato di cose", OK!; ma una volta comprese, intenzioni ed iniziative, condivise o meno, se ritenute giuste per sanare i mali della scuola....allora si applicano e si fanno applicare...altrimenti è davvero un passo indietro!!! Mi aspetto da questo governo sensatezza nelle decisioni ma fermezza nel farle applicare ed osservare.

    Report

    Rispondi

  • giovanni1961

    12 Dicembre 2008 - 16:04

    Suggerisco alla Gelmini un altro piccolo passo indietro: elimini il cappio becerero e populistico dei 5/6 anni per i libri di testo e restituisca ai docenti (che per questo non hanno protestato!!!) la libertà di insegnamento così come prescrive anche la Costituzione. Tanto, questo governo ha cominciato a fare acqua alla grande. E non solo per le piogge di questi giorni. Faccia detrarre le spese per i libri e vedrà che ricaverà anche tantissimi soldi dalle tasse di chi, guadagnando di più (editori, autori, agenti, librai, ecc.), pagherà di più. Lo farà? Ne dubito: sarebbe un provvedimento troppo utile e semplice al contempo. Questo basta per ignorarlo. "Ahi serva Italia...". E buona fortuna a tutti, a cominciare da mio figlio Stefano che il prossimo anno andrà in prima elementare con questa aria mefitica che corre..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog