Cerca

Confindustria vede nero

"A rischio 600mila posti"

Confindustria vede nero
Per la prima volta nel dopoguerra l'Italia vivrà nel 2008 e 2009 un biennio di recessione. Lo stima il Centro studi di Confindustria secondo il quale il Pil diminuirà dello 0,5% quest'anno e dell'1,3% nel 2009. La ripresa comincerà a farsi vedere solo alla fine dell'anno prossimo segnando poi nel 2010 un +0,7%.
Le possibilità di rilancio dell'economia sono però strettamente legate al ripristino della fiducia e al dissiparsi dell'incertezza che attanaglia la spesa di famiglie e imprese. Altrimenti «si avrà una recessione più lunga e profonda nel 2009, seguita da una stagnazione nel 2010. Il Centro studi di Confindustria, inoltre, nelle sue previsioni, stima per l'Italia un rapporto deficit/pil pari al 2,6% nel 2008 e al 3,3% nel 2009, contro il 3,4% del 2006 e l'1,6% del 2007. Un parziale rientro è previsto nel 2010, con l'indebitamento al 3,1%. Per quanto riguarda il debito, il Centro studi stima quest'anno un rapporto al 104,1% e l'anno prossimo al 106,1%. Anche in questo caso nel 2010 è previsto un lieve rientro al 105,7% del Pil. Per quanto riguarda l'inflazione invece, nel 2008 la crescita dei prezzi al consumo sarà del 3,4%, per poi calare drasticamente all’1,7% l’anno prossimo e risalire leggermente al 2,1% nel 2010. In particolare, nei prossimi mesi «l’inflazione annua continuerà a diminuire rapidamente, portandosi vicino all’1% annuo a metà 2009».
Posti di lavoro Nel 2009, per la prima volta dal 1994, la variazione annua dei posti di lavoro sarà negativa, con un calo dell'1,4%. E' quanto stima il Csc secondo il quale tra il secondo trimestre del 2008 e la seconda metà del 2009 si avrà una perdita di 600 mila posti di lavoro. Nell'industria la caduta sarà l'anno prossimo dell'1,8%. E' questo infatti, sottolinea il Csc, "il settore più esposto alla sfavorevole dinamica della domanda globale", anche se una diminuzione "è in corso perfino nei servizi, tradizionale serbatoio di posti di lavoro (-1,4% nel 2009)". La crisi porterà "inevitabilmente ad un incremento sostanzioso del tasso di disoccupazione - prosegue il Csc - nel 2009 toccherà l'8,4% per l'effetto congiunto della perdita di posti e della ricerca di un impiego da parte dei soggetti a più basso reddito e nelle aree più arretrate del paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    18 Dicembre 2008 - 11:11

    credo che abbiamo saltato un periodo nel frammezzo fascismo e democrazia dobbiamo per forza di cose conoscere come si vive durante il maoismo. lui il fondatore e' quasi un santo. spero di fare anche questa prova per poi sentirmi dire che sono quasi un cinese.

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    17 Dicembre 2008 - 14:02

    Il ministro Tremonti, a Ballarò del 16 c.m. ha affermato che a tuttora sono state consegnate n° 260.000 Carte acquisto (Social card)...delle 1.300.000 preventivate. Relativamente al periodo raggiunto ed al rapporto numerico,ad occhio e croce, non mi sembra una grande adesione (almeno per il momento). Per la serie : come fare bella figura e spendere poco !!! Complimenti...averne di economisti così oculati. A fronte di questa "furbata", si potrebbero cominciare a enumerare tutte le spese folli (eccessive) - degli anni di vacche grasse - che, senza vergogna, ancora non vengono eliminate. Il 2009 (a crisi crescente) sarà il banco di prova del Governo, per reperire fondi di sostegno al bisogno sociale del Paese (la reperibilità, da quanto se ne sà, è enorme : ci vuole soltanto buona volontà). Saluti Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • rock

    17 Dicembre 2008 - 14:02

    600.000 posti in meno,tranne i loro! Alla fine paghiamo la cassa integrazione (quattro spicciolo per ogni lavoratore) alle grandi aziende che hanno gestito male la crisi (non potevano non prevederla). E le piccole aziende? Quelle chiudono senza aiuti di nessuno e i lavoratori precari che ci lavorano (quasi tutti), se ne vanno a casa senza nessuna protezione sociale! Si, salviamo la fiat e l'alitalia e facciamo chiudere migliaia di piccole e medie aziende! Salviamo tutti,salviamo il lavoro,ma i manager incapaci e/o ladri se ne vadano a casa senza liquidazione! I vertici di confidustria comincino a "sudarsi" il pane invece di sentenziare sulla crisi dai loro super-attici! Conosco piccoli seri imprenditori che negli ultimi mesi hanno preso i loro soldi in banca per pagare gli operai... La marcegaglia che fa? va al Tg1...

    Report

    Rispondi

  • curatola

    16 Dicembre 2008 - 16:04

    il centro studi della confindustria come pure altri enti analoghi dovrebbero avere il buon gusto di tacere per almeno sei mesi. Non hanno visto un iceberg che ci veniva incontro ! Non hanno titoli per parlare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog