Cerca

Tangenti, Berlusconi:

"Occorre riformare giustizia"

Tangenti, Berlusconi:

Anche il premier Silvio Berlusconi ha commentato le ultime vicende giudiziarie napoletano. Lo ha fatto nel corso del Consiglio dei ministri di questa mattina, augurandosi che i fatti vengano ridimensionati e ribadendo la sua linea garantista. E cogliendo l’occasione per sostenere la necessità di una riforma della giustizia, come ha sottolineato ieri anche il presidente della Repubblica Giorgio Napoletano. Berlusconi è intervenuto dopo la relazione del ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che ha tracciato una mappa delle regioni investite dalle inchieste. Secondo alcuni dei presenti, avrebbe affermato: “Siamo garantisti sempre, anche se sono coinvolti esponenti che non appartengono al nostro schieramento politico”.
Di Pietro: noi gli unici contro la casta “Oggi l'Italia dei valori è stata l'unica forza politica a votare sì alla richiesta di arresto per il deputato Margiotta, in quanto ritiene che il Parlamento non può e non deve trasformarsi in un'Aula di giustizia né in un giudice speciale che difende la casta”: lo ha dichiarato il leader dell’Italia dei valori Antonio Di Pietro dopo il voto nella Giunta per le Autorizzazioni in merito all’arresto del deputato democratico Margiotta. “Quanto è accaduto oggi è gravissimo: tutti compatti a difendere gli interessi di pochi eletti, annullando il principio de “la legge è uguale per tutti”. Le indagini servono ad accertare la verità e chi non ha nulla da temere deve consentire ai giudici di andare avanti”.
Nel frattempo Francesco Rutelli, dopo la pubblicazione delle intercettazioni “in cui si parlava di me”, ha fatto sapere di aver chiarito tutto con i magistrati. “Ho subito chiamato la Procura della Repubblica di Napoli - ha affermato l'ex ministro - e ho chiesto di essere ascoltato immediatamente a tutela della mia onestà e onorabilità”. “Sono salito in macchina, arrivato alle dieci e un quarto di sera e chiarito punto per punto che tutte le parole pronunciate nelle telefonate intercettate sul mio conto sono totalmente prive di fondamento”, ha raccontato.
Chiccitto: a Napoli accanimento terapeutico “La scelta fatta dal sindaco di Napoli e dal Partito democratico di tener ferma la giunta di Napoli è una sorta di spiacevole accanimento terapeutico. Noi non vogliamo cavalcare nessuna ondata giudiziaria perchè il fallimento della giunta di Napoli è precedente a queste ultime vicende e si è espresso nel dissesto della città”: parole di Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera. “Adesso la decisione di prolungare questa agonia è un gravissimo errore, da tutti i punti di vista. A Napoli - conclude - prima si va a votare meglio è”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    19 Dicembre 2008 - 19:07

    Qualsiasi elezione, in un Paese democratico è tale quando il Popolo elettore ha la possibilità di scegliere, liberamente, in un elenco di nomi, il candidato che più lo aggrada (...anche soltanto per illudersi di poter metterci qualcosa di suo)...altrimenti, anche questo motivo diventa uno di quelli che fanno scendere le percentuali di votanti. Il Popolo, con liste pre-confezionate, potrebbe temere di trovarsi di fronte ad una democrazia a metà, temere di essere ritenuto incapace di fare le scelte giuste. Se non altro, lasciando la scelta del candidato all'Elettorato, la si toglie alle direzioni dei Partiti (almeno apparentemente). Il Partito è nella facoltà di comporre le liste...magari mettendo tra i primi dell'elenco coloro che sono i più quotati, ma il Popolo (che non è più "bue") deve poter esprimersi liberamente... e non soltanto votando la Lista, ma le persone che siano "pulite" ed accreditate, senza carichi penali (come si può fare una riforma della Giustizia con Parlamentari "macchiati"). Forse personaggi "senza arte nè parte" (visti dall'ottica della gente)...non sarebbero mai stati eletti...dovendoli, invece, accettare per "strategie" dei vari leaders. E' come se, in un incubo notturno,ad un elettore dessero nella cabina una scheda già votata. Non esiste. Come pure presentare il famoso leader in più Collegi e poi, eletto, "scambiare" con altri candidati. Forse, l'attuale sistema di elezione potrebbe essere accètto per le...Europee, che essendo fuori "le mura" ...interessano un pò meno. La riforma elettorale con quella della Giustizia e del Federalismo devono essere messe in cantiere quanto prima, se già non si sta operando. Saluti Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • giulioscigliano

    19 Dicembre 2008 - 10:10

    Oggi sono nel ciclone i moralisti della sinistra, ma anche il centrodestra pullula di lestofanti e farebbe bene a ripulire le sue fila mentre si appresta a riformare la giustizia. Giulio

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    19 Dicembre 2008 - 10:10

    invece di perseguire i ladri si pensa di riformnare i giudici. Povera Italia.

    Report

    Rispondi

  • curatola

    18 Dicembre 2008 - 16:04

    se si riforma la giustizia ora la classe politica figura come opportunista se aspetta che si consolidi il fronte giustizialista ed i suoi fiancheggiatori finirà per non poter fare alcuna riforma.

    Report

    Rispondi

blog