Cerca

L'ultimatum di Veltroni al Pd

"Innovazione o fallimento"

L'ultimatum di Veltroni al Pd
La 'questione morale' è sul banco nella sede del partito in via del Nazareno, dove la Direzione del Pd si è riunita questa mattina. a introdurre la tavola rotonda la relazione del segretario Walter Veltroni. Sul tavolo anche i rapporti interni ai democratici. Ed è subito attacco diretto nei confronti del presidente dl consiglio Silvio Berlusconi, ilprimo ad aver messo in evidenza la questione morale in seno all'opposizione. "Non accettiamo lezioni di moralità da Berlusconi", ha subito affermato Veltroni.
E il leader del Pd se la prende anche con i "disonesti" per i quali, dice, "non c'è posto nel Pd".  La situazione è complicata in seno all'opposizione, per questo "serve una convinta assunzione di responsabilità. La crisi economica, politica, morale ci consegna oggi un'alternativa secca e drammatica: o innovazione o fallimento. O aiutiamo il Pd a saltare nel futuro o lo leghiamo al presente che ci precipita nel passato e il Pd rischia di essere travolto. Questo è il messaggio che viene dall'Abruzzo". Il forte astensionismo alle ultime elezioni abruzzesi, ha sottolineato Veltroni, dimostra che ormai "la poca credibilità morale è una pericolosa voragine in cui può cadere la democrazia italiana. Migliorare o peggiorare il Paese dipende da noi, da cosa decideremo di fare".
E non poteva mancare, naturalmente, la stoccata al Cavaliere: "Tutto si può accettare tranne lezioni che vengono da chi ha nelle proprie fila indagati per mafia. E voglio dirlo chiaramente, non possiamo accettare lezioni dal presidente del Consiglio che ha scelto di fronteggiare le sue vicende giudiziarie con una serie di legge ad personam".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vidya

    20 Dicembre 2008 - 12:12

    Anche questa volta la montagna ha partorito il topolino. Uolter al solito ha deciso di non decidere, lasciando le cose come stavano. Baffino ha provato un affondo per tastare il polso all'avversario che naturalmente non ha risposto. Chi gongola è noidellitaliadeivalori che si sente in una botte di ferro. Chi tocca i fili muore, chi cerca di liquidare l'IDV va a morte certa. Caro Uolter, io non ho consigli da darti e anche se li avessi non te li darei. Posso solo dirti che sei, come dicono quelli che conoscono le lingue, in un classico "cul de sac", da cui si esce solo con i piedi in avanti. Auguri.

    Report

    Rispondi

  • brasskit

    20 Dicembre 2008 - 12:12

    I suoi Compagni lo lasceranno parlare fino alle lezioni europee; poi lo infileranno nella bara che già gli stanno preparando.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    19 Dicembre 2008 - 20:08

    E' del tutto inutile illudersi.Non cambierà mai,mai.

    Report

    Rispondi

  • FLOPPI

    19 Dicembre 2008 - 19:07

    Veltroni dice che nel PD no c'è posto per i disonesti, raccontar sempre bugie è onesto? Che stia attento come si esprime, altrimenti devrebbe azzerrare tutto il suo partito. fpg

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog