Cerca

Silvio rilancia sulle riforme

"Si parte con la giustizia"

Silvio rilancia sulle riforme
Politicamente parlando, sarà un 2009 difficile quello che attende Silvio Berlusconi. Lo ha detto lo stesso premier intervenendo alla comunità “Incontro” di Don Gelmini, ad Amelia, nel Ternano. Un Cavaliere “sereno ed ottimista” per l’iter delle riforme, ma “per quanto mi riguarda è un anno terribile quello che ho davanti per il governo del Paese: dovremo fare le riforme a cominciare da quelle delle intercettazioni e della giustizia che ci occuperanno molto”. D’altra parte il Popolo della libertà dispone di “due gruppi, alla Camera e al Senato, che ci garantiscono la vittoria”.
Lui, Berlusconi, si sente comunque pronto: “Sto benissimo, come un ragazzo di 18 anni”, ha risposto alla domanda di don Gelmini sulle sue condizioni, in apertura del collegamento telefonico. “Volevo farvi una sorpresa - ha detto ancora il presidente del Consiglio - e venire lì da voi senza preavviso, ma mi sono capitate delle cose a Milano e devo stare qui per un impegno importante£. A don Gelmini, che gli ricordava scherzosamente la propria età, 84 anni, il premier ha risposto: “Non darti tante arie... sei un giovanotto”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valeria78

    27 Dicembre 2008 - 17:05

    babybaffy tu sogni...

    Report

    Rispondi

  • giub

    27 Dicembre 2008 - 14:02

    ....un'altra bella norma per proteggere la casta ed i ladroni, i corruttori ed i corrotti. Invece di mandare a casa i giudici disonesti e delinquenti, cosa si fa? Si impedisce a quelli onesti di lavorare, le provincie rimangono, le pensioni alle giovani donne non toccate, i centri sociali restano occupati, i dipendenti pubblici fannulloni o ladri non licenziati, le tasse non diminuiscono, gli sprechi restano, i privilegi dei politici intoccati...Eh sì , questa è una vera emergenza!

    Report

    Rispondi

  • Shift

    27 Dicembre 2008 - 12:12

    La riforma della giustizia fatta in maniera profonda e veloce e' assolutamente necessaria, non piu' rinviabile. Berlusconi ed Alfano procedano pure, avranno l'appoggio di tutti gli italiani. Non si facciano bloccare dai soliti bastoni tra le ruote per puri interessi politici, come Lega e An. Prevalente deve essere l'interesse della maggioranza degli italiani su giudici e interessi di parte.

    Report

    Rispondi

  • micael44

    27 Dicembre 2008 - 10:10

    Caro Babybaffy,quel 20% sono i magistrati,le loro famiglie ed i seguaci di Di Pietro! Bravissimo Silvio! Avanti con la riforma della magistratura, aggiungici un semestrale obbligatorio controllo psichiatrico per continuare a esercitare (i piloti lo fanno).Poi il federalismo per rimettere in riga l'Italia e dopo il presidenzialismo, per poter governare più agevolmente. La sinistra,caro Presidente, ti si scaglierà contro, ma sai perchè? Non perchè sono riforme sbagliate, ma perchè poi a loro cos'altro resta da fare? Aguri Cavaliere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog